Passa ai contenuti principali

A tavola con la Principessa

Il 1° giugno di centocinquantanni fa due giovani sposi arrivano a Monza dopo un lungo viaggio di nozze.
Non sono però una coppia qualsiasi, ma Umberto e Margherita di Savoia, ovvero i Principi ereditari al trono d'Italia.
A Monza si trova la Villa Reale, la 'dimora estiva' fatta costruire nella seconda metà del 1700 da Maria Teresa d'Austria per il figlio Ferdinando d'Asburgo.
Nel 1868 la Villa Reale di Monza viene donata da re Vittorio Emanuele II come dono di nozze a Umberto e Margherita di Savoia, diventando per la coppia '...casa nostra veramente...' come scrisse nei suoi diari la stessa principessa.


Inizia allora l'ultimo periodo di splendore per la Villa Reale di Monza, con lavori di restauro e migliorie volute dalla coppia reale per adeguare gli interni alle loro esigenze personali, alle nuove funzioni di rappresentanza e al gusto dell'epoca.
Anche per la città inizia quindi una nuova e lunga stagione di rinascita che si conclude tragicamente proprio a Monza nel luglio del 1900 con l'uccisione di Umberto, diventato nel frattempo Re d'Italia.
Per celebrare dunque il 150° anniversario dell'arrivo a Monza dei Principi ereditari si stanno svolgendo in questi giorni una serie di eventi che sono l'occasione per portare alla ribalta la grande importanza storica, artistica e paesaggistica della Villa Reale, dei suoi Giardini e del Parco di Monza. 
Domenica ad esempio ho partecipato all'evento A tavola con la Principessa, una cena con menù sabaudo, presso il Saint Georges Premier, un ristorante all'interno del Parco di Monza che occupa un edificio storico risalente al 1838, a quel tempo utilizzato come fagianaia reale, ovvero dove si allevavano i fagiani destinati alla caccia, lo svago preferito dal re e dalla sua corte.
Gli chef del Saint Georges Premier hanno preparato un menu speciale per l'evento, ispirato alle ricette originali dei cuochi della Corte sabauda, composto da:
Gnocchi alla Reale...
Punch à la Romaine...
Petti di pollo alla Marescialla...
e per concludere Bavarese 'Diplomatica' che fu anche la torta di nozze della coppia reale...
Durante la cena, alcune brevi letture hanno raccontato la vita della principessa Margherita di Savoia-Genova, che diventò la prima regina d'Italia.
Ecco l'attrice che ha interpretato Margherita, con al collo una replica della famosa collana composta da 684 perle, divenuta il gioiello-simbolo della regina...
La cena è stata preceduta da un aperitivo nel giardino del ristorante, dove ho potuto scambiare qualche parola con il principe Emanuele Filiberto di Savoia, venuto a Monza per l'occasione come rappresentante della famiglia Savoia...

L'evento è stato voluto e organizzato dal Centro Documentazione Residenze Reali Lombarde, grazie all'iniziativa del suo instancabile presidente, l'architetto Marina Rosa...


Commenti

  1. Sei stata a cena con il principe....ora ti devo dare del Lei. 👸😊

    RispondiElimina
  2. Luisella è tanto che non scrivi,, penso che tu sia in vacanza a me ora incominciate. Buone vacanze e buon tutto Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina, buone vacanze e buon relax anche a te ❤️ ❤️ ❤️

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…