Passa ai contenuti principali

Fior di rosmarino

I visitatori di Orticola durante i giorni della mostra possono partecipare a laboratori, presentazioni e corsi gratuiti.
Sono momenti di incontri con esperti e si svolgono in tre diverse Aree Corsi, ma anche presso gli stand di alcuni espositori.
Il calendario completo dei corsi viene regolarmente pubblicato online da Orticola nelle settimane che precedono la mostra. 
Io lo studio sempre molto attentamente, selezionando i laboratori e gli incontri che più mi interessano, per poter programmare al meglio la mia giornata a Orticola.
Ad esempio mi piacciono sempre i laboratori partecipativi, dove ho la possibilità di creare delle piccole composizioni sotto la guida di esperti.
Solitamente scelgo i laboratori organizzati dalle maestre di composizione del Garden Club di Milano. ma quest'anno ho voluto cambiare, optando per un laboratorio dal titolo Fior di Rosmarino, a cura di Nicoletta Civardi, giornalista di 'Io Donna'.
Sedute attorno a un tavolo, dopo una breve presentazione, Nicoletta ci ha fornito tutto il materiale occorrente per realizzare un profumato contenitore: un vasetto di plastica da vivaio, un paio di cesoie e mazzi di rosmarino a volontà...
Abbiamo innanzitutto rivestito il vasetto con una striscia di nastro biadesivo...
a cui applicare i rametti di rosmarino...
Un elastico e qualche giro di spago hanno aiutato a mantenere attaccato al vaso il rosmarino...

Con le cesoie abbiamo quindi pareggiato gli steli alla base del vasetto...
Il progetto iniziale prevedeva di tagliare anche la parte superiore del rosmarino, formando una sorta di mini-siepe potata, ma la maggior parte di noi ha preferito lasciare intatti i rametti, dando alla composizione un aspetto più selvaggio.
Un pezzo di oasis bagnato è stato poi inserito all'interno del vasetto...
e su questa spugna da fioristi abbiamo inserito gli steli dei fiori che Nicoletta ci ha fornito: piccoli crisantemi bianchi e verdi e candidi lisianthus...
Et voilà..
ecco pronte le nostre composizioni 'Fior di rosmarino'...
che abbiamo poi riunito al centro del tavolo per la foto di gruppo...

Se ti va di vederle, ecco un paio di composizioni che ho invece realizzato a Orticola negli scorsi anni:
Un bijoux vegetale 
Il prato è servito 


Commenti

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…