Passa ai contenuti principali

Colazione da Potafiori

Di recente sono stata invitata a una Colazione di stile, che ti ho già raccontato in un precedente post.
L'evento si è svolto a Milano da Potafiori, il secondo negozio milanese della cantafiorista bergamasca Rosalba Piccinni.
Si tratta di un locale accogliente e rilassato, insolito e creativo, ben lontano dai normali negozi di fiori.
Qui infatti si può fare colazione, ma anche pranzare o cenare, circondati da fiori e piante disposte in eleganti e inusuali composizioni, con sottofondo musicale molto gradevole.

Non manca nemmeno un pianoforte, se pur sommerso dalla vegetazione, perchè Rosalba oltre a essere una raffinatissima floral-designer, è anche una talentuosa cantante jazz.
L'ambiente è molto semplice, in legno e cemento grezzo, facendo così risaltare al meglio gli allestimenti floreali di gusto moderno e pulito.



Insolito anche il decoro di ogni tavolo fatto con semplicissimi Salix caprea dai teneri germogli, sprovvisti però di vasi e con il pane di terra e radici appoggiato direttamente su una base di marmo...

Il personale, educato e attento, veste una divisa in stile marinière...
Una serie di alzatine di vetro mostrano l'assortimento di dolci da forno e marmellate...
Per la mia colazione ho scelto invece dal menu i pancakes accompagnati da sciroppo d'acero, che mi sono stati serviti su un piatto di ardesia. e un cappuccino in mug con piattino di marmo...
L'atmosfera che si respira qui è rilassata, l'ambiente è confortevole, la cura dei dettagli traspare in ogni angolo: un mix ben riuscito, tra fiori, musica e cibo!

Potafiori è Milano
in via Salasco, 17 - Zona Porta Romana
Sito ufficiale QUI

Anni fa ero stata anche nel primo negozio milanese di Rosalba Piccinni che si chiama semplicemente Fiori e si trova in via Broggi 17, dove avevo avuto il piacere di incontrare Rosalba e di sentirla cantare.
Se ti va, puoi leggere il post che avevo scritto allora.
Eccolo:
Fiori, musica e creatività  


Commenti

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…