Passa ai contenuti principali

Piante da compagnia

Un'altra mia scoperta durante la visita al Crespi Bonsai Museum sono state le 'piante da compagnia'.

A volte a un bonsai viene accostata una piccola pianta erbacea che serve a mettere in risalto l'albero e a completare l'armonia della composizione...

Naturalmente la pianta da compagnia non deve rubare la scena al protagonista principale, che rimane comunque il bonsai, ma io le ho trovate molto graziose.
Tra l'altro si trattava di piantine molto comuni, come sedum, sassifraghe, geranium, ma anche semplicissimi muschi, i miei preferiti.

Le piante da compagnia sono coltivate in vasi piccolissimi, generalmente i vasi usati per i bonsai, ma si possono utilizzare come contenitori anche piattini di ceramica, legni dalla forma particolare o pietre.
E' importante però che non si tratti di un vaso vistoso, anzi è meglio se viene ricoperto dalla vegetazione.
In ogni caso non si deve vedere la terra, magari nascondendola con del muschio.

Il vaso della pianta da compagnia non appoggia mai direttamente sul piano, ma viene sempre interposta una stuoia, una sezione di tronco o di pietra, che lo alzi anche solo di pochi millimetri.
L'accostamento di una 'pianta da compagnia' a un bonsai non è mai casuale, perchè ci sono delle regole ben precise da seguire.
Bisogna tener conto ad esempio della stagionalità, della provenienza dalla medesima zona climatica, ma soprattutto non deve attirare troppo l'attenzione.
A me è piaciuta molto l'idea di realizzare delle 'piante da compagnia', così da poter riusare quei vasi da bonsai che giacciono vuoti e inutilizzati nel garage di casa mia.
No, non ho nessuna intenzione di accostarle a dei bonsai che non ho e non avrò mai più.
Pensavo invece di metterne qualcuna in giro per casa, magari sui ripiani della bibilioteca, per far 'compagnia' ai libri.

Vuoi rivedere tutti i post dedicati al Crespi Bonsai Museum?
Eccoli:
Visita al Crespi Bonsai Museum 
Le pietre a crisantemo 
Un giardino giapponese 

Commenti

  1. Belle e simpatiche le "piante da compagnia" e preferisco la tua soluzione: fare compagnia ai libri o dove più ci piace.
    Buona giornata, Luisella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io trovo che sia un bellissimo nome da dare alle piante.
      Chi non vorrebbe una pianta da compagnia? 😁
      Ciao Laura! 🌼

      Elimina
  2. Recentemente sto leggendo qualcosa sui giardini giapponesi e cinesi, nulla di più lontano da noi, apparentemente, poi scava a fondo e vedi che qualcosa unisce tutti i giardini. Sono filosofie che trovo molto interessanti, e poi c'è da imparare. Stimolante, anche le piante da compagnia. Ciao L

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio motto è 'Mente aperta, sempre'.
      Non amo per niente i bonsai, il fatto che io sia appassionata di giardinaggio non vuol dire che io ami tutto e indistintamente.
      Ho i miei gusti e le mie personalissime opinioni.
      Però voglio sempre imparare e capire e, anche se i bonsai continuano a non piacermi 😉 da questa visita ho imparato moltissimo.
      Del resto sono stata accompagnata nella visita da Susanna Crespi, la figlia del signor Luigi Crespi.
      Ciao! 🌹

      Elimina
  3. Sai Luisella io quando devo comprare degli alberi da piantumare scelgo quelli di "compagnia" chiamati da me così perché hanno gemme,fiori e frutti in stagioni diverse così mi accompagnano tutto l'anno . ciao, Valentina

    RispondiElimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…