Passa ai contenuti principali

I tè fioriti

I tè fioriti sono un'esperienza sensoriale che, oltre a rilasciare profumi e sapori, durante l'infusione mostrano lentamente lo spettacolo del dispiegamento delle foglie di tè, che racchiudono al loro interno alcuni fiori.
Ieri ti ho mostrato il mio primo tè fiorito, certamente il più spettacolare tra le 6 sfere contenute nella confezione.


La creazione di queste Leaves of Art, come spesso vengono definiti, richiede un procedimento tutto manuale che avviene subito dopo la raccolta delle foglie di tè, quando sono ancora umide.
Mani abili e veloci riuniscono le foglie di tè a mazzetti o a rosette, mettendo all'interno uno o più fiori: alcuni sono scelti per dare profumo e aroma, altri per creare gli elaborati disegni.
Il tutto viene cucito manualmente con un filo di cotone.
L'intera lavorazione richiede da 1 a 12 minuti, dipende dall'effetto più o meno elaborato che si vuole ottenere.
A questo punto si procede ai consueti passaggi di essiccazione e di cottura.
Alla fine si ottengono queste sfere di tè...



Come ti ho gà raccontato nel post di ieri, la preparazione di un tè fiorito richiede una teiera di vetro trasparente, accessorio indispensabile per poter assistere al dispiegamento delle foglie.

Questo è Shooting Star, un tè verde con boccioli rosa di Amaranto...




Alcuni tè fioriti sono davvero spettacolari, altri lo sono meno, pur con caratteristiche ben precise.
Questo ad esempio è Dragon Lily, dove i fiori di giglio arancione sono confusi tra le foglie di tè bianco...



Molto bella è stata invece la fioritura di Jasmine Lover, che ha rivelato una candida cascata di gelsomini accompagnata da un fiore di ibisco...




Il più misterioso è stato senza dubbio Lavender Dream, dove lo schiudersi della sfera ha rivelato solo foglie di tè bianco...


E' stato solamente quando ho estratto le foglie dalla teiera che, al centro del bouquet di tè, mi è apparso un cuore composto da spighe di lavanda intrecciate...


Infine ecco Golden Jasmine, con foglie di tè nero tra le quali sboccia un grappolo di fiori di gelsomino che, secondo me, assomigliano a piccole roselline...




Al termine di questa esperienza, oltre alla teiera di vetro trasparente, mi è rimasta una bella scatola di bambù...


Numi fa realizzare questi cofanetti da una cooperativa di artigiane cinesi che, grazie a questo progetto, hanno avuto la possibilità di contribuire al sostegno economico delle loro famiglie.

Se vuoi saperne di più su Numi, questo è il loro sito ufficiale.
Se invece vuoi rileggere la prima parte del mio racconto dedicato ai tè fioriti, la trovi qui:
Un tè da gustare con gli occhi

Commenti

  1. La Natura dà sempre spettacolo.🏵 🌷 🌹
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello sì, però sono tornata al mio tè in bustina :D
      Ciao! :)
      (carini i tuoi fiorellini!)

      Elimina
  2. È sempre un'emozione osservare una elaborata tazza di tè,con i fiori poi è da sogno.Che belle cose che scrivi.valentina

    RispondiElimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…