Passa ai contenuti principali

Un tè da gustare con gli occhi

Mi piace il tè e durante la giornata ne bevo quattro o cinque tazze, ma non sono una vera intenditrice di questa bevanda, ti basti pensare che uso il tè preconfezionato in bustina, metodo moderno e sbrigativo che fa inorridire i veri cultori del tè.
Comunque mi piace assaggiare nuovi blend e nuovi gusti anche se poi ritorno sempre ai miei soliti due o tre preferiti.
Di recente mi sono fatta un regalo.
Si tratta di un cofanetto di bambù (e già questo mi piace tantissimo) che contiene il kit per preparare il flowered tea, ovvero un tè fiorito che sboccia letteralmente nella teiera.


Il cofanetto contiene una scatola con sei 'palle' differenti di tè, chiamati enchanted blossom, e una teiera di vetro trasparente, accessorio indispensabile per un tè fiorito che, prima di essere bevuto in tazza, va 'gustato' con gli occhi.


Ogni sfera è in realtà una composizione artistica di foglie di tè legate a mazzetto e cucite a mano, che custodiscono al loro interno uno o più fiori.


La sfera va quindi posizionata sul fondo della teiera.
A questo punto si versa l'acqua bollente, riscaldata a parte, direttamente nella teiera...


...e si rimane a guardare!
La sfera lentamente si schiude, liberando il suo misterioso contenuto...




...e dando origine così alla 'fioritura' del tè!
La completa apertura del bocciolo di tè avviene in 3-4 minuti, durante i quali si assiste allo spettacolo di colori e profumi che si sprigionano dalla teiera.
Si tratta perciò di un'esperienza sensoriale che bisogna gustare in tutta tranquillità.
Naturalmente alla fine si beve il tè...


Come primo esperimento per i miei flowered tea ho scelto la sfera denominata Sunset Oolong, formata da foglie di tè nero Oolong che racchiudevano all'interno 3 fiori di giglio



Secondo le istruzioni allegate, ogni sfera di tè una volta schiusa può essere riutilizzata ancora 3 o 4 volte.
Io non l'ho fatto, ho estratto il bouquet dalla teiera e l'ho messo su un piattino per osservarlo meglio.
Ah...vuoi sapere se il tè poi mi è piaciuto?
Sono sincera, non tanto.
L'ho bevuto senza dolcificarlo proprio per capire meglio il gusto che ha rivelato un sentore di pesca ma, come ti ho detto, non sono un'intenditrice.
Gusti personali a parte, il marchio di questi tè è rinomato per la qualità dei suoi tè organici che vengono aromatizzati solo con l'aggiunta di elementi naturali.
Se vuoi saperne di più, QUI trovi il sito ufficiale di Numi Organic Tea.

Sei curiosa di vedere le altre 'fioriture'?  
Le trovi in questo post:
I tè fioriti

Commenti

  1. Ogni tanto un piccolo pensiero per se stesse è piacevole:bellissimo regalo!
    Il colore dei fiori è vivace e una volta asciutti, potresti riunirli tutti in una ciotola a mo' di pot-pourri sopra un letto di muschio.🎁
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente ho buttato tutto, una volta essiccati per bene non è rimasto niente di bello :(
      Ciao! :)

      Elimina
    2. Come non detto! Ritiro tutto. 😁

      Elimina
    3. L'idea però era molto buona, soprattutto per il letto di muschio ;)

      Elimina
  2. Per la vista è un piacere, ma io tutta quella roba non riuscirei mica a berla! Mi sa che sono tipa da orribili filtri! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come esperianza sensoriale è molto gradevole, soprattutto se fatta in tranquillità e solitudine ;)
      Per quanto riguarda il tè che si ottiene, nessuno dei 6 che ho bevuto è riuscito a conquistarmi.
      Evviva le nostre 'orribili' bustine di tè di produzione industriale! :D

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…