Passa ai contenuti principali

Centrotavola con primule e muschio

Il mio salotto in giardino aveva bisogno di qualcosa di nuovo per accogliere la primavera.
Come ti ho già raccontato altre volte, sul tavolo all'aperto faccio sempre delle semplici composizioni in qualsiasi stagione dell'anno.
Niente di complicato, si tratta sempre di comporre alcuni vasetti, aggiungendo di volta in volta qualche tocco in più.
Per il nuovo centrotavola primaverile mi è bastato acquistare alcuni vasetti di primule (Primula x polyantha), quelli che ora invadono i bancali dei garden center con i loro colori sgargianti e dal prezzo davvero irrisorio.

Dopo aver tolto ogni piantina dal vasetto di plastica in dotazione, le ho trapiantate in piccoli vasi di terracotta di forme e dimensioni diverse e le ho raggruppate al centro del tavolo.
Mettendole nei vasetti di terracotta, invece che riunirle in un'unica grande ciotola, ho in questo modo la possibilità di spostarle dove più mi fa comodo, perfino dentro casa, come ti ho già mostrato per il mio piccolo giardino su vassoio.
A fare da contorno alle primule ho aggiunto la mia collezione di muschi che già avevo utilizzato durante l'inverno e che passa indenne attraverso tutte le stagioni, adattandosi a ogni mia nuova composizione.
Qualche ramo sempreverde e alcune foglie di aspidistra hanno completato l'insieme...
Naturalmente sono libera di spostare ogni elemento per dargli una nuova collocazione, ma il risultato non cambia...
Oltre al colpo d'occhio dato dalle primule fiorite, questo centrotavola da giardino si presta anche a una osservazione più ravvicinata, magari stando seduti al tavolo, che permette di scoprire l'affascinante microcosmo dei muschi...
In alcune ciotole di muschio sono comparsi gli sporofiti, quei lunghi filamenti che portano in cima una capsula al cui interno si trovano le spore...
Un piccolo mondo affascinante e senza gravosi impegni di manutenzione!



Commenti

  1. Questa composizione ti rispecchia: sei tu.
    Ciao e buona giornata. 🏵 🌼

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiori bianchi & muschio...ormai sono prevedibile! 😁
      Buona giornata anche a te! 🌼🌼🌼🌼🌼
      P.S.: devo trovare una emoticon con i muschi, ma temo che non esista 😁

      Elimina
    2. No,non sei prevedibile!Anzi ne farei " il mio segno di riconoscimento" Essere riconosciuti da un ' particolare'rende la cosa molto personale e gratificante.
      Quando vengo associata alla foglia contornata a crochet fa piacere. 🍁
      PS: stai già guardando oltre: il muschio ti porterà lontano! 🌼 🌄

      Elimina
    3. Grazie Laura! ❤️
      Quando ho iniziato a 'coltivare' il muschio in giardino anzichè combatterlo e rimuoverlo, venivo derisa o considerata con sufficienza.
      Ora sono in tanti a coltivare il muschio e pure a venderlo!
      Certo non voglio prendermi nessun merito, ma in fondo una certa rivincita ci sta!😊😊

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…