Passa ai contenuti principali

Lungo il fiume

All'interno del Parco di Monza scorre per un tratto di 3,5 km il fiume Lambro e il suo percorso è costeggiato da zone boschive.
La specie arborea più diffusa è il platano, con esemplari antichi e maestosi, ma ci sono anche salici, pioppi, frassini e ontani.
E' possibile seguire il fiume su una comoda strada asfaltata ma io preferisco addentrarmi nel bosco e percorrere il sentiero sterrato vicino alle rive perchè è qui che si possono fare gli incontri più interessanti, botanicamente parlando... 
Sul finire dell'inverno tra il denso tappeto di foglie secche emergono a ciuffi i Galanthus nivalis...
Non aspettarti però ampie distese di questa piccola bulbosa.
Nel Parco di Monza la trovi a piccoli gruppi isolati che illuminano le rive del fiume, ancora spoglie in questo periodo dell'anno...
Le foglie nastriformi color verde-bluastro fanno da corona ai lunghi steli che portano ognuno un singolo fiore pendulo, con i tre tepali esterni molto più lunghi dei tre interni...
Insieme ai Galanthus nivalis è facile trovare anche i Leucojum vernum.
Le foglie hanno un bel colore verde brillante e i lunghi steli portano un fiore dalla tipica forma a campanella con sei tepali color bianco-latte, con macchia verde-giallastra sull'apice...
Naturalmente sia i Galanthus che i Leucojum sono specie protette e in particolare proprio nel Parco di Monza, in quanto si tratta di presenze storiche risalenti all'era glaciale che ora crescono in un ambiente urbanizzato.
Questi però sono gli ultimi giorni per poterli ammirare perchè sono già spuntate le foglie di Allium ursinum che tra breve ricopriranno ovunque il sottobosco, ricoprendo tutto!

Commenti

  1. Ma che belli... Sai che io non ne ho mai visti dal vero? Ho comprato un bulbo una volta ma non è fiorito. Qui da noi il bosco è più mediterraneo e trovi violette mammole e orchidee terricole, ma di bucaneve e simili nemmeno l'ombra. Ma io sono testarda e magari l'anno prossimo compro d nuovo qualche bulbo, prima o poi faremo conoscenza! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Galanthus e Leucojum sono spontanei nel sottobosco dal terreno pesante e umido, infatti nel Parco di Monza crescono solo lungo le rive del Lambro.
      Poi però io ce li ho anche nel mio giardino, dove ho piantato un po' di bulbi comprati a sacchetti.
      Ci vuole un po' di pazienza, non aspettarti che fioriscano subito.
      E' importante metterli in una posizione ombrosa con luce filtrata.
      Io ho piantato i Leucojum sotto l'Amelanchier e i Galanthus sotto la siepe di Pyracantha.
      Insisti Novella, insisti! 😊😊

      Elimina
  2. Qui da me per l'aglio orsino è ancora presto ma sto godendo della fioritura dei bucaneve sia nel mio giardino che in giro :-). Il Leucojum vernum non lo ho ancora individuato, starò attenta nelle mie prossime passeggiate. Ma quel'è il nome italiano del Leucojum vernum? Ti racconto i nomi svedesi: quello del bucaneve è Snödroppe, cioè goccia di neve (snö=neve, droppe=goccia) e quello del Leucojum vernum è Snöklocka che lo tradurrei come campanella di neve (snö=neve, klocka=campananella). Ho visto che esiste anche il Leucojum aestivum con fioritura nei mesi di maggio e giugno qui da noi! Trovo che i tappeti di aglio orsino siano bellissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Italiano entrambi i fiori sono spesso indicati con il nome generico di bucaneve, in quanto entrambi 'forano' la neve per fiorire.
      Il Leucojum è chiamato anche 'Campanellino' o 'Campanellino di primavera'.
      Il Galanthus nivalis è chiamato invece 'Fora neve', 'Lacrima bianca'o perfino 'Campanella del lupo'.
      Sono comunque nomi della tradizione popolare e ho notato che ora sono molti a usare il nome inglese 'Snowdrop' per entrambi.
      Insomma tante lingue, ma in fondo il significato è simile ovunque 😊
      In Italia è presente anche il Leucojum aestivum ma io purtroppo non l'ho mai incontrato tra la flora spontanea, sono invece riuscita a vederlo fiorito solo all'Orto Botanico di Brera 😁
      L'aglio orsino quando fiorisce nel Parco di Monza è uno spettacolo incredibile, avevo già pubblicato diverse foto, forse nel vecchio blog, non ricordo.
      Però sono belle anche le sole foglie, di un bel verde brillante.
      Ciao!

      Elimina
  3. Bellissimi questi fiori,qui non li ho mai visti e anche l'aglio Orsino mi è molto difficile scovarlo,nel mio bosco solo violette e ranuncoli.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se non avessi il Parco di Monza a due passi da casa, probabilmente nemmeno io avrei mai visto questi fiori, se non nel mio giardino ma coltivati e non come vegetazione spontanea, ma questa è un'altra storia 😁
      Ciao! 😊

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…