Passa ai contenuti principali

Gli alberi di Federica Galli

Nell'ambito della mostra Donne di carta - Da Goya a Picasso, che raccoglie alcune opere della collezione grafica di Federica Galli e di cui ti ho raccontato nel post di ieri, sono in mostra anche alcune acqueforti realizzate dalla stessa artista e dedicate agli alberi.
Fanno parte del ciclo Gli alberi monumentali, più di 60 opere che rappresentano alberi importanti per motivi botanici o storici, ma anche solo per scelte estetiche di Federica Galli.
L'artista, dotata di un grande talento per il disegno, abbandona presto la pittura e il colore per dedicarsi esclusivamente all'arte incisoria, dimostrando una maestria e una padronanza della tecnica davvero unica.
E questi alberi ne sono la dimostrazione...
Gli olmi - acquaforte - 1981
Le sue tavole sono ricche di dettagli che solo un'attenta osservatrice della natura poteva notare, arrivando perfino a tracciare le prime incisioni del soggetto sulla matrice direttamente all'aperto, per poi concludere il lavoro nel suo studio.
In mostra è esposta anche 'Il viale degli alberi bottiglia', un'acquaforte incisa nell'Orto Botanico di Palermo, una delle tre opere da lei realizzate in Sicilia...
Il viale degli alberi bottiglia -1998
ma c'è anche un'araucaria vista in Liguria...
L'Araucaria di Nervi - 1997
e due scorci dei Giardini della Villa Reale di Monza...
Il giardino della Villa Reale a Monza - 1997
Villa Reale - 1989
Alcune acqueforti sembrano richiamare le atmosfere rarefatte e grafiche dei maestri giapponesi, come le due incisioni dedicate ai meli da fiore...
Il secondo melo - 1959
Melo da fiore - 1981
Infine un'acquaforte, che insieme agli alberi riprende il tema delle cascine, un altro ciclo di incisioni affrontato da Federica Galli, è la dimostrazione della sorprendente abilità dell'artista nel rappresentare con naturalezza alcuni elementi del paesaggio, come l'acqua dei fiumi e dei laghi, che in realtà sono difficilissimi da riprodurre nell'arte incisoria.
Cascina Sant'Anna - 1984
Nella sala espositiva della Galleria Civica di Monza è presente anche una riproduzione tridimensionale e a grandezza naturale di Federica Galli, intenta ad incidere una matrice.
Ho chiesto informazioni a riguardo al personale presente in sala che però non mi ha saputo dare risposte, dicendomi solo che a breve sarebbe stato aggiunto un cartello esplicativo.
Personalmente l'ho trovato piuttosto inquietante e dalla infelice collocazione, visto che questa riproduzione dell'artista è stata posta in prossimità dell'accesso alle toilette...
Meglio invece il cartellone fotografico...

Le opere di Federica Galli sono esposte alla Galleria Civica di Monza
Via Camperio, 1
fino al 25 giugno 2017
unitamente alla mostra Donne di Carta
ingresso libero
Info per orari QUI

Il sito ufficiale della Fondazione Federica Galli QUI


Commenti

  1. Mi fai conoscere dei capolavori. Grazie Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata una scoperta anche per me, nemmeno io conoscevo questa artista.
      Ciao!😊😊

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…