Passa ai contenuti principali

Centrotavola di muschio

Durante l'inverno esco poco in giardino, la natura si riposa e il giardiniere pure.
Questo però non significa che il mio giardino debba apparire spoglio e trascurato!
Basta solo qualche piccolo accorgimento per renderlo sempre accogliente e curato...


Sotto il pergolato, ad esempio, ho un salotto all'aperto che naturalmente in inverno non utilizzo, ma che comunque è perfettamente visibile sia dall'ingresso di casa che dalla cucina.


Un semplice centrotavola da esterno è la soluzione più facile e d'effetto.
Quest'anno poi ho deciso di utilizzare solo il...muschio!


Ti ho già raccontato molte volte della mia passione per il muschio e infatti da tempo lo raccolgo in giardino per coltivarlo in alcune ciotole.
Lo trovo bellissimo, versatile e...a zero manutenzione!


Mi è bastato perciò comporre sul tavolo qualche ciotola di muschio, un paio di oggetti decorativi e infine ho aggiunto dei rami sempreverdi e ciuffi di bacche avanzate dalle mie decorazioni invernali.
Et voilà...




Freddo, neve, gelo, pioggia o vento, niente lo rovina...


Più facile di così!

Commenti

  1. Piace anche a me.
    Bella scelta il muschio: un evergreen...sotto tutti i punti di vista!
    Ciao ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura!
      Con la pioggia di oggi dopo mesi di siccità invernale, il muschio è diventato ancora più bello.
      Avrei dovuto aspettare fino a oggi per fare le foto ;)
      Ciao! :)

      Elimina
  2. Ma basta metterlo in una ciotola con terreno per farlo vivere? Mi piacerebbe poterlo utilizzare nei vasi che ho.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per coltivare il muschio in vaso, io faccio così:
      prelevo dal terreno del mio giardino uno strato d muschio con circa un centimetro di terriccio attaccato.
      Poi lo metto così com'è nel contenitore, pressandolo un po', tenendolo umido e non esposto in pieno sole.
      Di solito utilizzo dei piccoli sottovasi di terracotta, mai di plastica.
      Il muschio non ha bisogno di tanta terra, gli basta lo strato a cui è ancorato.
      Pensa che i vasetti più alti che vedi nelle foto del post (quelli con le pigne) li ho riempiti con lo scottex appallottolato e pressato e sopra a quello ho messo le zolle di muschio, e sono così già da due o tre anni.
      Come vedi, alcuni li tengo così come sono, altri invece li uso per piccole composizioni, infilandoci dei rametti, delle bacche, delle pigne.
      Ah, un'ultima cosa: per mantenere umido il muschio, in estate lo innaffio mettendo l'acqua in un contenitore spray (tipo quelli dei detergenti, naturalmente ben puliti).
      Niente concimi, molta ombra e fa tutto da solo.
      Se hai domande, chiedimi pure ;)
      Ciao!


      Elimina
    2. Grazie,vorrei posizionarlo sul terreno di alcune piante che ho in vaso ma ho paura che abbiano bisogno di cure e attenzioni diverse,lo utilizzerò su dei piccoli vasi liberi così sono sicura di non sbagliare.valentina

      Elimina
    3. Non ho mai messo il muschio su vasi dove coltivo altre piante, quindi non saprei darti consigli, però tentar non nuoce.
      Fai sempre in fretta a toglierlo ;)
      Ciao! :)

      Elimina
  3. Ciao meraviglioso angolo invernale nel tuo salotto in giardino!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…