Passa ai contenuti principali

Magnolia e tulipani

Questa splendida pianta di magnolia a foglia caduca vive felice vicino al lago di Garda...


E' un esemplare di notevoli dimensioni che cresce ai margini di un orto da tempo abbandonato.
Non so quanti anni possa avere, non so nemmeno chi l'abbia piantata, magari mio suocero o forse suo padre, chissà...
Ora questa magnolia si trova circondata dai materiali di un cantiere in corso, ma la sua bellezza riesce comunque a far distogliere lo sguardo da tutto il resto...


La scorsa settimana, durante uno dei miei sopralluoghi al cantiere, ho trovato per terra due rametti spezzati e così li ho portati a casa e messi in acqua...


Mi piacciono molto questi rami contorti con le gemme gonfie e vellutate e già da soli potevano star bene sulla consolle della sala.
In casa avevo però anche un mazzo di tulipani che mi spiaceva accantonare, ma i cui steli cominciavano già ad incurvarsi.
A molti piace questa caratteristica dei tulipani, a me non molto e così uso un sistema che forse ti farà inorridire, ma voglio ugualmente mostrartelo...


Ebbene sì, taglio i fiori mantenendo uno stelo lungo all'incirca una decina di centimetri e li metto in un piccolo vaso, tenendoli stretti tra loro.
Le foglie però non le butto, le metto invece in un secondo vaso che dispongo vicino a quello con i tulipani decapitati per 'fare verde'.
Non so, magari è una mia illusione, ma ho l'impressione che in questo modo i fiori dei tulipani durino anche più a lungo.


Insomma, comunque sia, ho accostato questi due vasi a quello contenente i rami di magnolia...


Et voilà...




Non avendoli mai raccolti prima d'ora, voglio scoprire se e quando i boccioli di magnolia riusciranno a schiudersi...


Commenti

  1. Mi piacciono i fiori di magnolia: enormi e profumati.
    Da oggi in poi chiamerò i tuoi tulipani: Maria Antonietta. ;)
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti potrei chiamare questo mio metodo di esporre i tulipani 'à la Marie Antoinette'...molto più chic di 'tulipani decapitati' :D Grazie del prezioso suggerimento :)
      Ciao! :)

      Elimina
  2. sui tulipani ti do ragione, non mi sono mai piaciuti particolarmente, e tagliati corti trovo che abbiamo maggior senso.
    Per la magnolia, io ho due spine ....... in una piazzetta del paese, c'era parecchi anni fa un'aiuoletta che faceva da spartitraffico ,con una spettacolare magnolia in mezzo. Un anno (credo un 15 anni fa) han deciso che ci voleva il paesaggista ..... detto fatto, taglia la magnolia e al suo posto ecco spuntare una palma (abbiamo precorso Milano .....), un ulivo, delle graminacee, una stele di sasso ....
    La seconda spina è a villa Buttafava, che forse conosci. Qua la magnolia era centenaria, enorme, bellissima. In primavera allungavo apposta la strada per vederla, a costo di passare mezz'ora ferma al passaggio a livello. Poi, anche qua, qualcuno ha deciso che andava potata, anche se non dava fastidio a nessuno. Inutile dire che da quella strada non ci passo più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah bene, temevo di essere derisa per questo mio sistema di usare i tulipani, ma a me proprio non piace la mollezza dei loro steli ;)
      Sai che invece non conosco le magnolie di cui parli? Del resto conosco Desio davvero poco.
      Le potature che si vedono in giro in questo periodo sono atroci e insensate, ma ho letto di alcuni arboricoltori che sono andati a protestare nei vari Comuni, tra l'altro se non ricordo male anche a Giussano.
      Ciao! :)

      Elimina
  3. sì, sono venuti anche qua, domenica scorsa. Speriamo che qualcosa cambi, anche se si tratta in primis di un discorso culturale, e la vedo dura.
    La magnolia oramai non c'è più, sto parlando di parecchi anni fa, e quella di villa Buttafava è stata talmente ridotta che si fa fatica a riconoscerla
    Ciao! :-)

    RispondiElimina
  4. Molto belle le magnolie, ne avevo una da piccola, ma qua il terreno non è proprio adatto a loro... I tulipani li adoro, ma non in vaso, a meno che non siano in un mazzo misto che possa contrastare la loro tendenza a chinarsi. Però la definizione di Maria Antonietta è superba! Chapeau!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tulipano non è tra i fiori che preferisco, tempo fa ne avevo coltivato cinque o sei varietà diverse ma in vaso, facendone un'aiuola componibile.
      Della serie: 'Provato e scartato' :D
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…