Passa ai contenuti principali

Il Gioiello italiano del XX secolo

Un'altra bella mostra che ho visitato è in corso in questo periodo al museo Poldi Pezzoli di Milano: 'Il Gioiello italiano del XX secolo'...


La mostra racconta l'evoluzione dell'arte orafa italiana del 1900, mettendo in risalto l'eccellenza tecnica e creativa dei gioiellieri italiani ed evidenziando i cambiamenti del gusto, legati ai diversi momenti storici ed economici della società.

Si parte perciò dallo splendore di tiare e diademi riservati a pochi...

Mario Buccellati - Tiara - 1920

Musy - Diadema scomponibile - 1900

Settepassi - Collana a resille - 1905

rivelando l'altissima qualità e l'eccezionale talento della produzione orafa italiana che ben si può definire mestiere d'arte.

Pendente in corallo - Ascione -1906

Collana stile Art Decò - Bulgari
Le tipologie dei monili esposti sono differenti e comprende sia i lussuosi gioielli realizzati per gli eventi scaligeri...

Ravasco - Anello

ma anche i nuovi gioielli degli anni '80 e '90, portabili dalla mattina alla sera...

Rivière - Collana

Nel percorso espositivo sono presenti anche le preziose sperimentazioni che hanno visto la collaborazione tra orafi ed artisti...

Arnaldo Pomodoro - Collana - 1966
Una mostra di grande fascino, ma che rivela l'importanza ricoperta dalla gioielleria italiana nell'affermazione del 'Made in Italy' a livello internazionale.

Personalmente sono rimasta incantata nel poter osservare da vicino la minuziosità e l'accuratezza dei lussuosi monili risalenti ai primissimi anni del '900, anche se i miei preferiti sono i gioielli Liberty e Art Decò, un periodo che adoro, stilisticamente parlando.
Tra l'altro, nella vetrina dedicata al Neo-storicismo non ho potuto fare a meno di notare un prezioso bracciale dall'aspetto molto familiare...

Adelio Villa - Bracciale - 1940
Si tratta infatti del bracciale denominato 'Corona Ferrea', in oro giallo, argento, zaffiri rosa, zaffiri blu e smeraldi, che replica in miniatura proprio la Corona Ferrea, conservata nel Duomo di Monza.

Se sei interessato a visitare questa mostra, ti consiglio di iniziare dalla visione del filmato introduttivo, nella saletta a destra del percorso espositivo.
Inoltre nel biglietto d'ingresso è compresa la visita alla casa-museo, dove potrai ammirare l'eclettica collezione di Gian Giacomo Poldi Pezzoli.
Oltre a quadri, sculture, armi e armature, ceramiche, orologi e arredi, è presente anche una raccolta di oreficeria sacra e gioielli antichi, compresi preziosi monili etruschi, greci e romani.
Una straordinaria collezione che integra la mostra.

La mostra 'Il Gioiello Italiano del XX secolo'
è a Milano - Museo Poldi Pezzoli
fino al 20 marzo 2017
Info per orari e prezzi  QUI

Ad eccezione della prima e dell'ultima foto che sono mie, le altre provengono dal sito della mostra.

Commenti

  1. Risposte
    1. Oh sì, a me è piaciuta moltissimo!
      Se poi non sei mai stata al Poldi Pezzoli, è l'occasione giusta per visitarlo.
      Ciao! :)

      Elimina
  2. Che bei gioielli le tiare sono incantevoli!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero un sogno ad occhi aperti.
      Ciao! :)

      Elimina
  3. Da urlo le tiare,da indossare almeno una volta nella vita fosse anche solo per carnevale(di bigiotteria purtroppo per me) Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto! Se dobbiamo sognare, facciamolo alla grande :D
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…