Passa ai contenuti principali

I crochi nel Parco di Monza

Abito a due passi dal Parco di Monza, non devo nemmeno prendere l'auto per raggiungerlo, eppure non ci vado poi così di frequente.
Il periodo però in cui ci vado più spesso a fare le mie passeggiate è proprio questo, sul finire dell'inverno, quando mi piace assistere al risveglio della natura...


Il Parco di Monza racchiude all'interno delle sue mura ambienti e realtà molto diversificate, che vanno dalla fattoria, alle ville storiche, al golf club, fino all'autodromo, tanto per farti qualche esempio.
La flora dunque non è presente in maniera omogenea sul territorio.
Ogni specie ha i suoi luoghi preferiti, spesso molto circoscritti, ma io so dove trovarli.
Tra i primi fiori a comparire nel parco ci sono i crochi selvatici (Crocus biflorus)...


E' un croco spontaneo dall'aspetto delicato, con petali bianchi solcati da strie longitudinali color violetto scuro.
Questa piccola bulbosa ha colonizzato una striscia di prato a ridosso di una strada molto frequentata del parco, eppure quasi nessuno la nota...



Il prato si trova in prossimità di un edificio risalente al 1838, conosciuto come la fagianaia reale perchè in origine qui c'era l'allevamento di fagiani destinati alla caccia, lo svago preferito dal re e dalla sua corte.
Attualmente è invece un ristorante di buon livello.


Si tratta perciò di una zona molto frequentata, ma questi crochi che spuntano con le loro corolle diafane tra le foglie secche passano quasi del tutto inosservati.
Mi sono resa conto dell'indifferenza nei loro confronti proprio mentre li fotografavo.
E pensare che, all'interno del parco, questa è la sola e unica zona dove crescono i Crocus biflorus...







La colonia di crochi a poco a poco si stempera nel prato e la sua presenza diventa sempre più rada fino a scomparire del tutto, lasciando il posto a un vasto tappeto erboso...


Si tratta del prato che ospita 'Lo Scrittore', un'opera in legno e acciaio dell'artista napoletano Giancarlo Neri alta 10 metri che, ancora oggi a più di dieci anni dalla sua collocazione nel parco, richiama l'attenzione dei curiosi...


C'è però un altro luogo di Monza dove in questo periodo si può assistere alla fioritura dei Crocus biflorus: si tratta dei Boschetti, una piccola area verde che sorge in una zona altamente trafficata di Monza.

Commenti

  1. Che bello il parco di Monza,adoro i crochi i primi fiori che annunciano la primavera...sono fioriti anche nel mio giardino!!Buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche nel mio giardino i crochi stanno fiorendo e, se la temperatura non si alzerà troppo rapidamente, la loro fioritura durerà a lungo.
      Ciao Gabri e buona settimana anche a te! :)

      Elimina
  2. Che bello sapere che vai di proposito a vedere nel parco la fioritura dei crochi ,io aspetto sempre quella delle violette che piano piano stanno colonizzando una parte dell'orto.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sto tenendo d'occhio le violette, ma qui è ancora presto.
      Nel mio giardino però stanno diventando fin troppo invasive, quest'anno dovrò estirparne di più :(

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…