Passa ai contenuti principali

Anticipo di primavera

Non sono tra quelli che già a novembre invocano l'arrivo della primavera, so apprezzare e trovare del bello in ogni stagione.
Quindi il post di oggi è solo una conseguenza dell'aver comprato al supermercato un mazzolino di tulipani nani.
Arrivata a casa, anzichè infilare il mazzo alla bell'e meglio in un vaso, ho cercato di inventare qualcosa di diverso per questi piccoli tulipani...


In casa ho tanti vasi per i fiori recisi, di ogni forma e dimensione, ma questa volta mi servivano proprio dei vasi di vetro trasparente piccoli e stretti per poter realizzare la mia idea.
Avevo già pronta la soluzione!
A questo scopo infatti ho una piccola scorta di contenitori di vetro per uso alimentare e tra questi ne ho scelti due dalla bella forma affusolata e sinuosa.
Per trasformarli in vaso, devo solo nascondere la parte alta, quella dove si avvita il tappo di metallo.
Basta un nastro legato a fiocco e i vasi sono pronti...


Tra le mie cianfrusaglie mi ricordavo poi di avere un vassoietto di metallo smaltato e traforato.
E' uno di quegli oggetti che compro a poco prezzo al bazar dei cinesi o alla Lidl e che poi finiscono nel ripostiglio in attesa del loro momento di gloria che, prima o poi, arriva.
Sul vassoietto ho appoggiato i miei due vasetti con i tulipani e poi ho riempito gli spazi vuoti con della carta cucina leggermente inumidita...


...e sopra lo scottex ho appoggiato alcune zolle di muschio raccolto nel mio giardino...


Et voilà...


più lungo a raccontarlo che a farlo!


In questi giorni ho anche smontato la ghirlanda fuoriporta, quella di cipresso grigio con i rami di salice, per lasciare il posto alla ghirlanda di muschio.
Quindi, come tocco finale, ho infilato tra i tulipani anche i rami di salice...


Tutto torna utile!

Commenti

  1. Risposte
    1. Ne ho coltivati parecchi, ma come fiore reciso non l'ho mai considerato, ora sto cercando di recuperare ;)
      Ciao! :)

      Elimina
  2. Tutto perfetto come sempre,mi ripeto ma è così.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto non lo so, veloce di sicuro :D Grazie Valentina! <3

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…