Passa ai contenuti principali

BOOM 60!

Al Museo del Novecento a Milano è in corso la mostra 'BOOM 60! Era Arte Moderna' e io l'ho visitata.
Si tratta di una mostra dedicata all'arte in Italia nel periodo compreso tra i primi anni Cinquanta e i primi Sessanta, con un'esposizione di opere di pittura, scultura e grafica ma non solo...
Una interessante sezione documentaria rivela come le riviste di quel periodo abbiano contribuito a diffondere e a raccontare l'arte agli Italiani.

Le opere esposte provengono principalmente dal ricco deposito del Museo stesso, scelte in particolare tra quelle che avevano suscitato reazioni tra il grande pubblico, diffidente verso l'arte moderna, ed evidenziando la mentalità e i pregiudizi di una cultura di massa.

Si parte quindi dalla pittura astratta, accusata di essere 'troppo facile' ma anche 'incomprensibile'...



passando per la critica verso i nuovi materiali che vengono utilizzati dagli artisti 'moderni' al posto del nobile marmo, ovvero il ferro, il gesso e il bronzo che vengono lavorati con la fiamma ossidrica e la sega elettrica al posto dello scalpello...


Il simbolo dell'incomprensibilità dell'arte moderna è il buco, qui ben rappresentato dalle opere di Lucio Fontana e di Alberto Viani...


che in quegli anni avevano scatenato l'ironia e la satira, raccontate nella mostra da una esilarante raccolta di vignette umoristiche apparse sulle riviste del periodo.
Eccone qualcuna... 





Molto ricca e interessante è anche la sezione riguardante la stampa di attualità illustrata che si rivolge al grande pubblico e che negli anni del boom raggiunge la massima tiratura e diffusione.
Per molti Italiani le riviste rappresentavano allora la principale fonte di informazione, di lettura e di intrattenimento e i temi dell'arte erano ampiamente trattati, anche assecondando gli stereotipi e i pregiudizi più diffusi.


Uno dei metodi più utilizzati per parlare d'arte era associarla a personaggi noti, come le star del cinema, della canzone e dello sport e le principesse straniere, arricchita con una buona dose di pettegolezzo...


Gli artisti stessi vengono spesso trasformati in divi...



e perfino la pubblicità si serve dell'arte per trasmettere un'idea di raffinatezza e di affermazione sociale...


Attraverso i rotocalchi l'arte entra perciò nelle case degli Italiani, creando la breve illusione che in pochi anni sarebbe stata alla portata di tutti, proprio come il frigorifero, il televisore e la lavatrice.

Se ritieni che questa mostra ti possa interessare, tieni presente che la parte documentaria richiede un adeguato tempo di lettura e di visione del materiale cartaceo esposto.

BOOM 60!
Era Arte Moderna
presso il Museo del Novecento - Milano
fino al 12 marzo 2017
Info per orari e costi QUI

Commenti

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…