Passa ai contenuti principali

Topo!

Da qualche tempo un topo si aggira indisturbato nel mio giardino.
Un mese fa, durante la raccolta dei kiwi, avevo trovato alcuni frutti rosicchiati...



se non addirittura svuotati...


Il fatto che mi aveva maggiormente inquietato era però l'aver trovato i kiwi rosicchiati ancora attaccati alla pianta.
Insomma, l'idea che un topo banchettasse direttamente sul pergolato, sopra la mia testa, mi dava parecchio fastidio.


A dir la verità avevo già avuto un chiaro avviso sulla presenza di un immondo roditore qualche mese prima, quando avevo decorato l'ingresso di casa con le zucchette decorative...


Insieme alle zucche, avevo avuto la brillante idea (si fa per dire, eh...) di mettere un paio di melograni.
Una mattina avevo avuto l'amara sorpresa di trovare solo qualche rimasuglio rosicchiato delle bucce dei melograni...




Temevo una fine analoga anche per le mie zucchette che invece sono rimaste perfettamente intatte.

Eliminati i melograni e raccolti i kiwi, ero convinta di aver risolto il problema.
E invece l'orrenda bestia continua a spadroneggiare nel mio giardino...
Come ti ho già raccontato diverse volte, all'arrivo del gelo appendo ai rami dell'Amelanchier alcune palle di grasso e semi per aiutare gli uccellini a superare l'inverno e finora non avevo avuto nessun problema.


Ora invece ecco quello che trovo al mattino...


Le retine plastificate che contengono le palle sono nettamente tranciate e le palle sparite!
Nessun uccello ha mai fatto niente del genere, nemmeno il picchio.
Il sospetto che il topo continuasse a frequentare il mio giardino è stato purtroppo confermato quando ho visto la bestia con i miei occhi.
E' stato nel tardo pomeriggio di ieri, quando ho visto un essere aggirarsi sotto la siepe.
Inizialmente l'avevo scambiato per un merlo, e questo ti fa capire le dimensioni del topo.
Insomma, non è un grazioso topolino, ma un orribile topastro che va in giro per il mio giardino e si arrampica tranquillamente sulle piante!

E ora si pone il problema: come continuare a nutrire gli uccellini, senza attirare i topi?
 

Commenti

  1. Questo topo ha ormai capito che nel tuo giardino può trovare ogni genere di conforto. Sperando che non sparga la voce e decida addirittura di nidificare. Non voglio spaventarti ma ti parlo per esperienza perché a me è proprio successo. Esistono diverse trappole ed esche per topi. Le trappole con la colla che dovrebbero preservare la vitalità dell'animale sono però poco efficaci perché, dimenandosi riescono a liberarsi dalla presa della colla. Utilizzare altro genere di trappole non è il massimo della vita, soprattutto quando il topo rimane ferito se non addirittura ucciso all'interno della trappola proprio lì nel tuo giardino. Con il sistema delle esche noi ci siamo trovati bene e, almeno per ora, ce ne siamo liberati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Escludo di usare le trappole, troppo cruente a mio parere.
      Per esche intendi i bocconi avvelenati?
      Ma non rischio di uccidere anche gli uccelli?
      Insomma, è un bel problema, avere un topo che gira indisturbato per il giardino è sgradevole e preoccupante, l'idea che possa nidificare qui mi fa star male.
      Grazie per avermi raccontato la tua esperienza, ciao! :)

      Elimina
    2. In teoria le esche sono fatte apposta per attirare i topi. Indossa i guanti prima di posizionarle in modo da non lasciare il tuo odore sopra. Loro vengono attirati e, in teoria se la mangiano. La morte avviene più tardi quando già si sarà allontanato in cerca di altro cibo altrove. E non tornerà più, non spargerá la voce e non nidificherà. A questo proposito potresti già gironzolare nel giardino per vedere se si sta costruendo il nido in qualche angolo riparato e poco accessibile. Usano qualsiasi cosa per farlo, rami, tessuto non tessuto, pezzetti di sacchetti di plastica, carta ecc.. metti lì ed in giro nel giardino le esche.

      Elimina
    3. Grazie ancora per i preziosi suggerimenti.
      Hai ragione, meglio fare una accurata ispezione...anche se la cosa mi terrorizza un po'...

      Elimina
  2. Luisella secondo la mia discreta esperienza direi che hai una sola possibilità e ti consiglio di adottarla immediatamente: in ferramenta ma anche nei garden trovi esche velenose che metti in appositi contenitori a due scomparti progettati per danneggiare il topo e preservare il resto della fauna. Metti guanti di lattice per inserire le esche,altrimenti il topo sente odore di umano e non pasteggia. Allau con questo sistema è quasi del tutto coperta. Mi raccomando agisci in fretta e facci sapere. CiaoLuisella ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo una domanda: ma poi il topo muore dentro nel contenitore?
      Mi sento male...
      Grazie Laura :)

      Elimina
    2. No no capisco il tuo orrore in merito.Tali esche sono furbe:l'odioso roditore mangia e ci mette molto tempo prima di andare nel paradiso dei topi . Il fattaccio avviene sempre lontano dalla trappola, in tanti anni ho visto molte esche sparire è un solo topo deceduto ;) vai tranquilla

      Elimina
    3. Ti sembrerò strana ma, nonostante i topi mi facciano ribrezzo, provo orrore anche all'idea di avvelenarli.
      Però, se non c'è altra soluzione...
      Vi terrò aggiornate sugli sviluppi.
      Grazie a tutte! <3

      Elimina
    4. Invece capisco,il rapporto con i topi 🐭 è estremamente complesso e sfaccettato. In merito ci sono molte teorie interessanti, ma per il momento conviene attenersi ai fatti,quel topo va dissuaso. Non pensare e agisci. Te lo dico,in caso contrario presto saranno due e poi ... Altro che ribrezzo.

      Elimina
    5. Ok,ok, mi hai convinto!
      Intanto, per non privare di cibo gli uccellini, ho attaccato le palle con un lungo filo di acciaio: o il topo impara anche a volare, oppure si spacca i denti nel tentativo di recidere il cavo.
      E questa mattina le palle erano ancora attaccate ai rami :)

      Elimina
  3. Agisci presto,purtroppo anch'io ho qualche topolino nel mio giardino,ma li è impossibile debellarlo lo spazio è troppo grande.Facci sapere . Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il momento l'aver attaccato le palle con un lungo cavo d'acciaio sta funzionando.
      Non c'è altro di appetibile nel mio giardino per i topi.
      L'attenzione comunque rimane alta e in settimana andrò a vedere queste famose esche.
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…