Passa ai contenuti principali

Benvenuto floreale

Riservo sempre una speciale attenzione all'ingresso di casa, perchè rappresenta un po' il mio biglietto da visita e allo stesso tempo dà il benvenuto a chi viene a trovarmi.
Proprio accanto al portone di ingresso ho messo tempo fa un decoro in ferro battuto: si tratta di una sorta di trespolo che avevo trovato da un antiquario e che mi aveva conquistato con i suoi tralci di vite dall'aspetto delicato, eppure di robusta fattura.



Un giorno ci avevo appoggiato sopra una delle mie ghirlande, pronta per essere appesa al portone d'ingresso...


E così, da un gesto del tutto casuale, ho avuto un'intuizione ed è nata l'idea di dare al piccolo trespolo uno scopo, trasformandolo da oggetto puramente decorativo in supporto per una decorazione floreale di benvenuto.
Scelgo sempre delle piantine fiorite di stagione che metto al centro di una ghirlanda di rami intrecciati usata come contenitore, una sorta di nido che imbottisco con una manciata di paglietta per nascondere vaso e sottovaso...


E così durante l'anno il trespolo ospita un susseguirsi di piccoli fiori!
Dai Muscari...


ai garofanini...



una rosa miniatura...



un cuscino di profumatissimo Exacum durante l'estate...



ma anche un particolare crisantemo dai petali contornati di verde...




Naturalmente non potevano mancare le zucche...



Con l'arrivo del freddo ho poi riempito il nido con rami sempreverdi, ciuffi di bacche colorate e pigne, con al centro una piccola casetta di legno...


Poi è giunto il momento dei rami di cipresso grigio, insieme a qualche pigna...


a cui ho accostato delle palle color argento durante il periodo natalizio...


I rami di cipresso fuori al freddo sono ancora bellissimi, ma ora ho sostituito le pigne con un vasetto di Elleboro in piena fioritura...


Come al solito, niente di impegnativo o laborioso, ma sono quei piccoli dettagli che danno piacere.

Commenti

  1. Ma che bella idea haia avuto decorare il trespolo con piante stahionali....bellissime tutte...non ho mai a avuto l elleboro e mi piacerebbe...teme il vento?
    Buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabri! :)
      In questo periodo i garden center sono letteralmente pieni di ellebori in fiore.
      Tieni presente che è una pianta che cresce nei boschi, quindi preferisce luoghi riparati e non in pieno sole.
      Buona settimana anche a te, ciao! :)

      Elimina
  2. Bellissimi fiori e composizioni. Tutti rigorosamente bianchi.Belli!
    Ciao e buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai i fiori bianchi sono diventati il mio biglietto da visita, ma la scelta di questo colore inizialmente è partita dall'avere un giardino quasi del tutto in ombra ;)
      Grazie Laura e buona settimana anche a te! :)

      Elimina
  3. meravigliose foto e spunti da "rubare" per ingentilire il mio anonimo ingresso, bellissimo l'elleboro, il mio quest'anno è sofferente....speriamo si riprenda, buona giornata ciao Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ruba, ruba pure...mi fa piacere!
      Buona giornata anche a te, Luisa! :)

      Elimina
  4. È un'idea bellissima e molto vicina alle mie corde ,la compierò di sicuro per la casa al mare,qui in città ahimè ho il vicino di pianerottolo che a stento sopporta il portaombrelli
    Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, sono felice che queste piccole idee ti siano piaciute!
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…