Passa ai contenuti principali

Latte Art

C'era una volta il semplice cappuccino, con il latte montato a formare una soffice schiuma.
Poi è arrivata la 'Latte Art', ovvero l'arte di servire il cappuccino decorato da disegni eseguiti con rapidità e destrezza, per una presentazione esteticamente accattivante...



Le forme più semplici da fare e quindi più diffuse sono il cuore e la foglia...




e vengono eseguite su qualsiasi prodotto di caffetteria. 
Questo ad esempio è un cappuccino al tè matcha...


Ho scoperto poi che si svolgono regolarmente i campionati nazionale e internazionali di 'Latte Art' e si organizzano corsi specifici per padroneggiare la tecnica, basata su abili movimenti del polso.


Un'alternativa alla 'Latte Art' è il 'Topping' che consiste nel decorare il cappuccino utilizzando una salsa di cioccolato distribuita sulla superficie e lavorata con uno strumento a punta...


Il risultato è estremamente decorativo e l'esecuzione è molto più facile, ma il gusto del cappuccino a mio parere ne esce snaturato.

Di certo un decoro non è indispensabile per un buon cappuccino, ma ormai se al bar me lo servono senza disegno io ci rimango male!

Commenti

  1. Ahahahah!Sei viziata:pure il cappuccino con il disegno! Scherzi a parte, trovo carino rinnovarsi, stare al passo con la presentazione, la cura e proporre ai clienti queste piccole 'chicche'.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sempre vengono bene questi disegni, ma apprezzo sempre l'impegno.
      A volte però sono dei piccoli capolavori: sono rimasta a bocca aperta nel vedere il disegno fatto da Marchesi (la prima foto in alto) dove il fiore aveva addirittura il pistillo!
      Ciao! :)

      Elimina
  2. Quando ordino un caffè NORMALE mi guardano strana. Adesso capisco perché. Il top Ping mi mancava. Ma quante ne sai????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I baristi di oggi hanno tutta la mia comprensione: in effetti nessuno chiede più un caffè normale, tutti hanno richieste che rasentano spesso l'assurdo, tipo 'caffè lungo, macchiato caldo ma in tazza fredda e con spolverata di cacao'.
      C'è da diventare matti!

      Elimina
  3. Ho visto camerieri scrivere il nome delle clienti col cacao per fare i galanti con loro. La tecnica era semplice, fare gli occhi dolci e chiedere il nome alle nuove clienti, che poi ogni giorno ricevevano il cappuccino con schiuma personalizzata. Una Maria Antonietta li avrebbe messi però in serie difficoltà ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah...troppo forte!!!
      Questa non mi è mai capitata, ma posso capire, ormai ho una certa età ;) e le galanterie nei miei confronti si diradano :D
      Credo però che anche scrivere il mio nome su un cappuccino li avrebbe messi in difficoltà :D
      Ciao! :)

      Elimina
  4. Qui patria del caffè preso in purezza assoluta,gia il cappuccino è guardato in po' strano figurati se chiedo il nome sulla schiuma:)ma confesso che non mi dispiacerebbe affatto.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il caffè posso capire ;)
      Ti confesso che le prime volte, il cappuccino 'disegnato' mi infastidiva un po', ma ora se non me lo fanno, mi sembra di avere un servizio meno accurato :D
      Ciao! :)

      Elimina
  5. Uuuu il cappuccino al tè matcha mi manca proprio! Devo dire che ultimamente al bar prendo sempre il cappuccino e mi sono resa conto che non tutti sono bravi a preparare quella buonissima schiumina! il disegno è molto carino, ma alcuni dovrebbero prima imparare a fare la schiuma poi la decorazione ;) a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cappuccino matcha è davvero delizioso, te lo consiglio.
      L'unico inconveniente è doverlo bere rapidamente per evitare che la polvere di tè matcha si depositi sul fondo.
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…