Passa ai contenuti principali

Un bouquet spinoso e...velenoso

Sono sempre alla ricerca di materiali vegetali da utilizzare per le mie composizioni casalinghe e che si prestino ad essere essiccati per far sì che i miei lavori durino il più a lungo possibile.
Osservo perciò con molta attenzione quello che offre il mio giardino ma, come avrai già notato, mi lascio facilmente conquistare anche dalla vegetazione spontanea, da quelle piante considerate 'erbacce' e snobbate da tutti.
L'ultima mia scoperta è lo Stramonio (Datura stramonium)...


E' una pianta erbacea annuale che cresce ovunque, preferendo i luoghi incolti e ghiaiosi con terreni smossi di recente.
La scorsa estate ne avevo trovate alcune piante che crescevano rigogliose  tra i detriti sassosi, provenienti dagli scavi del cantiere della casa in campagna...


I fiori hanno calice e corolla tubulare...



mentre il frutto è una grossa capsula ricoperta da aculei...


Tieni presente però che l'intera pianta è estremamente velenosa perchè ha una elevata concentrazione di potenti alcaloidi.
Non a caso lo Stramonio viene comunemente chiamato anche 'Erba del diavolo'.
La scorsa settimana sono ritornata sul posto e ho trovato le piante di Stramonio completamente essiccate e quindi...pronte all'uso!


Armata di cesoie e di robusti guanti protettivi, ho fatto il mio raccolto.
Ho fatto molta attenzione anche a eliminare i piccolissimi semi neri contenuti all'interno delle caspule perchè è proprio nei semi che si trova la maggior concentrazione di sostanze velenose...


Ho tolto anche tutte le foglie rinsecchite, lasciando solo i robusti rami e le capsule spinose.
Et voilà...


ecco un bouquet insolito e particolare...


Ho utilizzato anche i rami più corti dello Stramonio e li ho aggiunti a un cesto di paglia riempito con un altro elemento insolito, i rami essiccati di Araucaria, simili nell'aspetto a lunghissime pigne...


Una composizione degna di Morticia Addams! 😁

Commenti

  1. Non prendere impegni per il prossimo Halloween! Io e te gireremo l'Italia per fare "Corsi di Erbacce e Bouquet da Paura". Morticia schiatterà d'invidia.:)
    Ciaooo.

    RispondiElimina
  2. Morticia mi era venuta in mente subito, mai te lo avrei detto, se non lo avessi fatto prima tu...😋Infatti mi piace !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E perchè mai non me lo avresti detto?
      Mica mi sarei offesa!
      E comunque non è il primo bouquet in stile-Morticia che pubblico ;-) però era Halloween :D
      Ciao! :)

      Elimina
  3. Maestra nel dare alle cose una seconda possibilità.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e pure una terza e una quarta :D
      Non butto mai via niente, a meno che non di deteriori.
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…