Passa ai contenuti principali

Composizione invernale con...zucche!

Lo so, sono un po' fissata con le zucchette ornamentali, porta pazienza!
Io però le utilizzo tantissimo per realizzare delle facili decorazioni per la casa perchè, oltre a essere belle, hanno una lunghissima durata.
Ieri ad esempio ho composto una semplicissima decorazione da tavolo adatta alla stagione invernale, utilizzando qualche zucchetta dalla buccia bianca, scelte tra quelle dello scorso autunno.
Ne avevo a disposizione solo tre, perciò quest'anno dovrò ricordarmi di seminarne qualcuna in più.


Utilizzando come base un vassoio di legno, ho disposto qualche ramo di pino raccolto in giardino e sopra ad essi ho appoggiato le mie tre zucchette.

Per arricchire la composizione ho pensato di attingere alla mia scorta di materiali decorativi: tronchetti di legno e palle di paglia intrecciata.
Le palle più grandi le ho trovate all'IKEA mentre quelle più piccole le ho comprate al bazar dei cinesi.


Come al solito, niente di complicato.
Ho aggiunto qualche palla qua e là e infine ho riempito gli spazi vuoti con i tronchetti di legno essiccati che ho comprato di recente in saldo al garden center, ma vanno benissimo anche pezzetti di rami derivanti dalle potature...


Et voilà...



più lungo a raccontarla che a farla!




E poi chi l'ha detto che le zucchette sono adatte solo all'autunno?
Io le uso tutto l'anno!

Commenti

  1. Le mie sono tutte ammuffite... Ma hanno garantito diversi mesi di decorazione, sul mobile del vano scale. Mi piacciono molto quelle bianche.
    Come sempre idea molto semplice e molto carina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me ne sono ammuffite tre ed erano tra quelle che avevo comprato alla Lidl.
      Due erano fuori all'aperto, l'altra era sul tavolo in casa, quindi non credo che dipenda dal luogo di conservazione, magari erano 'difettose' all'origine, qualche segno nella scorza, qualche colpo subìto, o magari erano già marce dentro...chissà...
      Ciao! :)

      Elimina
  2. Io le secco, poi loro suonano come maracas. poi quelle commestibili le mangio volentieri. meglio della cioccolata (quando ti stufi delle mie battute sulla cioccolata dimmelo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche quando diventano secche e leggerissime, le zucche sono ancora utili, ho ancora le zucche di qualche anno fa :D e vanno benissimo per fare le ghirlande perchè non pesano.
      Di sicuro le zucche commestibili hanno meno calorie della cioccolata, ma io continuo a preferire quest'ultima (a proposito, tanto per non smentirmi, sono appena tornata da Chocomoments, un evento dedicato al cioccolato artigianale che si sta svolgendo a Monza...)

      Elimina
  3. Le mie ( comprate alla Lidl) fanno ancora bella mostra in cucina...e forse ancora per molto.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, esposte in cucina, le zucche ornamentali non hanno stagione.
      Mi hai dato un'idea, grazie! :)

      Elimina
  4. Bellissima idea! Proprio bella questa decorazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, sono felice che ti sia piaciuta.
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…