Passa ai contenuti principali

Un libro per Natale

I lavori di book-folding vanno alla grande in rete.
Ma di cosa si tratta?
In poche parole è l'arte di piegare i fogli di un libro per ottenere sculture tridimensionali.
A prima vista sembra una cosa complicatissima, ma in realtà è un lavoro ripetitivo e di pazienza.
Insomma, ho voluto provarci anch'io... 


In genere si scelgono libri destinati al macero, meglio se con le pagine ingiallite, ma c'è chi utilizza perfino le riviste o le guide telefoniche...


Naturalmente, da principiante, ho iniziato con una forma facilissima.
Ti mostro in sequenza come ho piegato ogni singola pagina...




Ho quindi ripetuto questi tre semplici passaggi per un centinaio di pagine, quelle centrali di un libro di 300 pagine con copertina rigida, per ottenere la figura di un semi-cono...


Avrei potuto togliere la copertina e ripetere le piegature su tutte le pagine per ottenere un cono intero, ma l'effetto che desideravo era proprio quello di un albero che esce dalle pagine del libro.
Avrai già capito che il mio scopo era quello di creare un book-folding natalizio, aggiungendo qualche decorazione a tema...


Et voilà...


Ti assicuro che il lavoro è di una facilità estrema!
Poi mi sono anche divertita ad agghindare il mio alberello di Natale cartaceo.

Con una ghirlanda di perle, fissate con del biadesivo...


con delle piccole coccarde multicolori...


ma anche creando delle piccole scene, utilizzando mini-cestini, rametti e materiale vegetale essiccato, che ho raccolto nei mesi scorsi...



ma alla fine ho scelto la soluzione più semplice...



Ho rimesso il libro aperto sullo scaffale della biblioteca, in mezzo agli altri libri!

Commenti

  1. Inutile scriverti per l'ennesima volta quanto mi piace la tua creatività!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E invece scrivi, scrivi pure...essere apprezzata fa sempre piacere! :D

      Elimina
  2. Che belle sorprese...per me sono tutte novità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiorella, prova fare una ricerca nel web, vedrai che lavori di book-folding pazzeschi che ci sono, altro che il mio alberello :D :D

      Elimina
  3. Un albero proprio bello!! Anche qui in Svezia queste creazioni vanno alla grande. Se dici che è facile farlo quasi quasi te lo copio :-).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Copia Oriana, copia pure :)
      Ti assicuro che non richiede particolari abilità, è solo un pochino...noioso e ripetitivo :D
      Ciao! :)

      Elimina
  4. Che bello....Noi da bambini lo facevamo con i vecchi topolino,che bei ricordi.grazie Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora vale la pena rispolverare la tecnica e rifarlo ora.
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…