Passa ai contenuti principali

Una ghirlanda quasi natalizia

L'idea mi è venuta osservando i frutti globosi che, attaccati ai lunghi peduncoli, penzolano dai rami ormai quasi spogli dei Liquidambar...


lI Liquidambar è originario dell'America settentrionale ma ormai è diffusissimo anche da noi, soprattutto come alberatura di città.
In autunno poi è riconoscibilissimo per le foglie che, prima di cadere, assumono spettacolari colorazioni...


Un'amica ne possiede un bell'esemplare nel proprio giardino e molto generosamente mi ha lasciato tagliare qualche rametto, provvisto dei grossi frutti penduli che ora sono ancora verdi ma che durante l'inverno diventeranno bruni e legnosi.
Tornata a casa, ho semplicemente legato tra loro il mazzetto di rami con un lungo nastro di juta...


Et voilà...


il nuovo addobbo fuoriporta è subito pronto!

Ho utilizzato il nastro di juta, acquistato in matassa dal bazar dei cinesi, innanzitutto perchè mi piace come accostamento ma anche per un altro importante motivo.
Ho sempre il timore di rovinare le porte con lo sfregamento delle ghirlande che appendo e perciò ho escogitato il trucco di applicare sul retro di ogni ghirlanda i feltrini delle sedie.
Questa volta però non era possibile e quindi il lungo nastro di juta ha proprio la funzione di proteggere il portone.

Già così il nuovo addobbo fuoriporta mi piaceva, ma poi ho pensato che anche un tocco di verde ci sarebbe stato bene.
Dal giardino ho raccolto perciò qualche rametto di Chamaecyparis e di Thuja, che ho già ampiamente sperimentato nelle mie decorazioni dentro e fuori casa.
Sono sempreverdi e hanno una lunghissima durata, mantenendo inalterati colore e forma ma, particolare importantissimo, una volta recisi non perdono assolutamente gli aghi, a differenza di pino e abete...


A questo punto avrei dovuto disfare il fiocco per aggiungere i rami verdi, ma un po' mi dispiaceva.
Il fiocco mi era venuto proprio bene!
Così ho ideato un trucco...
Utilizzando del filo di ferro plasificato da giardinaggio, ho 'ingambato' i rametti.
In questo modo sono riuscita a infilare i lunghi 'steli' artificiali nel nodo del fiocco, senza doverlo disfare...


Et voilà (di nuovo)...


ecco la ghirlanda pronta per iniziare l'attesa del Natale!

Approfitto delle festività dei prossimi giorni, per mettere in pausa il mio blog.
Ti aspetto qui tra una settimana.
Buon relax a tutti!


Commenti

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…