Passa ai contenuti principali

Ghirlanda Merry Christmas

A volte le idee arrivano per caso.
Ad esempio, qualche giorno fa sono passata accanto ad un giardino dove stavano potando un cipresso grigio (Cupressus amazonica).
Mi sono fermata e ho chiesto se potevo prendere qualche ramo...


In breve ho riempito il baule della mia auto...


I rami del cipresso sono fortemente aromatici e sono certa che in casa il loro caratteristico odore amarognolo e resinoso potrebbe non essere gradito a tutti, però sono l'ideale per realizzare decorazioni da esterno di lunga durata.
Arrivata a casa, ho preso perciò due delle varie ghirlande che durante la scorsa estate avevo realizzato con i lunghi tralci di edera del mio giardino.


Le ho unite tra loro con due giri di grosso spago, per ottenere una base più consistente e voluminosa.


A questo punto mi è bastato infilare nella ghirlanda alcuni rami di cipresso.
Le foglie aghiformi sono color grigio-verde e tra di esse si notano bene i fiori giallastri maschili, simili a capocchie di fiammifero...


Già così la ghirlanda non è male, vero?


Ma, visto il periodo, mi è sembrato opportuno aggiungere un tocco natalizio.
E così, rovistando tra i decori e le cianfrusaglie di Natale, ho trovato questo...


Et voilà...


E anche la ghirlanda di Natale per la porta d'ingresso è pronta!

Altri rami del cipresso li ho utilizzati invece per decorare il trespolo in ferro battuto accanto all'entrata...



aggiungendo anche qualche pallina argentata...


e altri ancora li ho messi semplicemente in due vasi di terracotta per accompagnare l'ingresso di casa...




Commenti

  1. Tutto riesce con due rami, una ghirlanda e la voglia di fare. Bella e natalizia.
    Mi piace molto il cervo bianco.farò orsi, galline con palchi di corna e tutti bianchi :)
    Ciao e buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I rami del cipresso grigio da soli fanno già Natale, hanno un colore particolare che li fa sembrare come brinati ;-)
      Animali con le corna?
      Aspetto di vedere le tue foto su G+, lo sai, son curiosa :D
      Grazie e buona settimana anche a te!

      Elimina
  2. Mi hai fatto ridere quando hai detto che in casa non potevi portare i rami...a casa mia è lo stesso ,io sono una raccoglitrice convinta e "loro" cercano di ostacolarmi sempre,ma io sono moooolto più tenace di loro.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, questa volta li posso anche capire perchè i rami del cipresso grigio hanno un odore particolare che può risultare sgradevole a molti.
      Diciamo che in casa ormai si sono rassegnati alle mie decorazioni.
      Qualche perplessità era sorta invece a ottobre per le zucche, ma in effetti credo di aver esagerato un pochino :D
      Resistiamo Valentina, resistiamo! :D

      Elimina
  3. Tutti questi rame che sarebbero andati in discarica han creato meravigliose decorazioni natalizie grazie ala tua bravura!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabri, sono contenta che ti sia piaciuta!
      Ciao! :)

      Elimina
  4. Sei proprio brava a vedere cose che per altri sarebbe solo "spazzatura". La ghirlanda è stupenda e come dici tu il cipresso ha un odore particolare, a me piace l'odore dell'erba appena tagliata, della resina di pino quando in montagna accendendo la stufa ne butto dentro qualcuna . . . io ad esempio non trova di mio gusto l'odore della benzina, insomma, ogniuno di noi trova gradevoli odori che per altri sono l'esatto opposto . . . ma meglio così, se fossimo tutti uguali sai che noia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che sono stata fortunata a passare davanti a quella casa proprio nel momento giusto :D
      Fosse stato per me, li avrei portati a casa tutti, quei bei rami grigio argentei ;)
      Ciao! :)

      Elimina
  5. é vero,a volte le idee arrivano per caso,ma dobbiamo avere la predisposizione a vedere il bello o il possibile in ogni dove e questo lo sto imparando da te. vero anche che "crescendo"si vedono le cose che sono sempre state li ma apparentemente nascoste. A me sta succedendo questo ,mi accorgo dei colori,degli spazi degli alberi ,insomma di tante cose che faccio vedere ,sperando di trasmettere belle sensazioni ai miei due nipotini.Ai miei figli dico che cè sempre da imparare da tutti e questo lo sto imparando anche da te. Donatella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Donatella per le tue belle parole!
      Anch'io come te ho il desiderio di trasmettere ai miei figli (e chissà...magari anche a dei nipoti) una diversa visione delle cose che ci circondano e che troppo spesso diamo per scontate senza dare loro la giusta importanza o che nella frenesia della vita quotidiana non riusciamo neppure a vedere.
      Insomma, scoprire la bellezza nella vita di tutti i giorni.
      Ci riuscirò? Chissà...
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…