Passa ai contenuti principali

La Torta Barozzi di Vignola

Durante la mia gita nel Modenese, una volta terminata la visita alla Rocca di Vignola, ho fatto un'altra interessante scoperta: la Torta Barozzi, il dolce storico della città...


E' una torta prodotta artigianalmente dalla pasticceria Gollini di Vignola, secondo una ricetta segreta tramandata di generazione in generazione...


Si tratta di un dolce a base di cioccolato fondente, caffè, arachidi, mandorle e zucchero, ma senza farina.
Naturalmente per poterla vendere al giorno d'oggi, gli ingredienti vanno rigorosamente dichiarati ma rimangono comunque segrete le dosi e il metodo che rendono questa torta unica e inimitabile.
Proprio per proteggerne l'unicità, il marchio della torta Barozzi è registrato dal 1946 e viene regolarmente rinnovato ogni vent'anni.


Questo dolce è nato nel 1886 e inizialmente si chiamava Torta Nera.
Solo nel 1907 il suo nome divenne Torta Barozzi, in omaggio a Jacopo Barozzi, famoso architetto e illustre cittadino di Vignola, noto appunto come il Vignola, che ha realizzato tra le varie opere anche il Palazzo Boncompagni con la celebre scala ellittica, che si trova proprio accanto alla Rocca e vicino alla pasticceria.


Ho comprato una piccola torta, giusto per provarla, e nella confezione mi hanno aggiunto il certificato di autenticità...


La Torta Barozzi si presenta con la parte superiore ricoperta da un foglio d'alluminio che, secondo le istruzioni non va tolto.
Si deve capovolgere la torta e tagliarla a fette, foglio di alluminio compreso, che va tolto solo al momento di gustarla.
In pasticceria infatti servivano i tranci ancora provvisti del foglietto di alluminio...


Non ho capito a cosa serva esattamente il foglio, ma comunque la torta si presenta così...



Il sapore è molto intenso e impegnativo, un mix ben dosato di cioccolato e caffè, che può non incontrare il gusto di tutti.
Infatti la pasticceria Gollini ha ideato anche la versione 'bianca', ovvero la Torta Muratori, dedicata ad un altro illustre concittadino, Ludovico Antonio Muratori il padre della storiografia italiana, con un impasto a base di mandorle, zucchero, uova e burro, anche questo senza la farina...


La Pasticceria Gollini si trova a Vignola
in piazza Garibaldi
e il suo sito web lo trovi qui

Commenti

  1. Viva le torte e viva gli assaggi che si è obbligati a fare quando siamo in visita in un'altra città:) Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopotutto la conoscenza di un luogo passa anche attraverso il suo cibo, o no? ;)
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…