Passa ai contenuti principali

Una moodboard da tavolo

Ogni creativo che si rispetti raccoglie le idee nelle moodboard, virtuali o cartacee che siano.
Insomma, una moodboard è un collage di foto, ritagli ma anche oggetti e materiali da cui trarre ispirazione per un lavoro o un progetto...


Ho pensato anch'io di farne qualcuna ma a scopo puramente decorativo.
L'idea mi è venuta da questa vecchia cassettina di legno, divisa a scomparti...


Era nientemeno che il contenitore dei mattoncini da costruzione che mi avevano regalato da bambina.
A mio fratello avevano regalato il Lego, a me l'Edilplastik che non ha avuto la stessa fortuna del suo equivalente danese e che credo non esista nemmeno più.
Comunque sia, avevo conservato la cassetta di legno e l'avevo anche usata per piccole collezioni, l'avevo dipinta di marrone scuro, avevo applicato dei ganci sul retro, l'avevo perfino appesa al muro per metterci piccoli oggetti.
A dir la verità ne possiedo un'altra, una cassettina più grande e con molti più scomparti, che tengo appesa nel mio studio.
Ma la cassetta originale è sempre rimasta con me e ora ho trovato il modo di darle una nuova vita...


Dopo averla ripulita bene, ho pensato di trasformarla appunto in una moodboard, ma da tavolo!
La posso riempire con materiali e piccoli oggetti in sintonia con la stagione o con quello che più mi ispira.

Et voilà...


Ecco la mia moodboard a tema autunnale, con pigne, rametti secchi, semi, una manciata di foglie, qualche mela Annurca, i funghetti di legno che avevo comprato la scorsa estate al Passo Crocedomini e naturalmente le mie immancabili zucchette ornamentali!

L'ho messa in sala sul tavolino basso che tengo accanto al divano...


Porta una nota di colore in sintonia con la stagione e posso cambiarne il contenuto in qualsiasi momento, a seconda del mio umore e con quello che ho a portata di mano.

Facile e veloce!

Commenti

  1. Bella! Io ho una scatola simile per contenuto che torna utile come props per le foto: cambia ad ogni stagione/occasione.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :)
      E' molto più pratico usare questa cassettina su un tavolo, piuttosto che appesa al muro, i props (ora imparo anch'io ad usare questa parola :D ) sono molto più sicuri ;-)
      Ciao! :)

      Elimina
  2. Ragazze siete geniali.valentina

    RispondiElimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…