Passa ai contenuti principali

Autunno a Villa Necchi Campiglio

Durante la mia visita alla mostra 'Moda di carta' di cui ti ho raccontato ieri, ho colto l'occasione per fare un giro nel giardino di Villa Necchi Campiglio, la casa-museo che ospita l'evento.
Conosco bene questo giardino, l'ho già visitato ed esplorato a fondo diverse volte, ma devo ammettere di non averlo mai visto nella sua veste autunnale...


Il punto focale del giardino è senza dubbio lo spazio che ospita la piscina, proprio davanti all'ingresso dell'abitazione...


Gli aceri ora hanno assunto il bellissimo colore infuocato che crea un bel contrasto con il turchese della piscina...



Naturalmente il colore della piscina crea in qualsiasi stagione una notevole macchia di colore che gioca con la vegetazione circostante e fa sembrare color dell'oro perfino le foglie di una Hosta, ormai al termine del loro ciclo vegetativo...



La struttura del giardino è data da imponenti esemplari di Magnolia grandiflora dalle coriacee foglie sempreverdi e da alcuni alberi ad alto fusto a foglia caduca, tra cui un ippocastano, ma una squadra di giardinieri è sempre al lavoro per liberare ogni angolo del giardino dalle foglie...



Nel terreno sotto gli alberi l'erba crescerebbe stentata e quindi viene utilizzata la Convallaria japonica per creare un omogeneo e curatissimo tappeto verde sempre uguale a se stesso.


Le aiuole che costeggiano il muro di recinzione della villa sono composte da un mix di piante da ombra, tra cui felci, sarcococca ed edera, anche queste sempre uguali in qualsiasi stagione ma che creano un gradevole effetto sottobosco.
Insomma, la caratteristica di questo giardino è quella di essere verde tutto l'anno con poche concessioni ad altri colori.
Ci sono naturalmente alcune piante da fiore, ma la loro presenza è sempre molto discreta.




Sul retro della villa, proprio di fronte al campo da tennis, ora ricoperto da una struttura fissa in acciaio e vetro che ha creato un padiglione climatizzato, c'è una bordura di Rosa 'Iceberg' che prosegue imperterrita la sua prolungata ed elegante fioritura...


Ma i più bei colori autunnali sono dati dal fogliame ramato degli arbusti di Hydrangea quercifolia 'Snowflake' e 'Snow Queen'...


Nel giardino c'è anche una piccola collezione di camelie, anche queste arbusti sempreverdi.
Oltre ad un notevole esemplare di Camellia japonica, ci sono alcune piante di Camellia x vernalis in fiore proprio ora...



I numerosi cespugli di Hydrangea macrophylla addossati al muro perimetrale portano invece i loro ultimi fiori...


in mezzo alle numerose infiorescenze ormai appassite che verrano lasciate sui rami fino alla prossima primavera...


Insomma, il giardino di Villa Necchi Campiglio con la sua 'ossatura' sempreverde ha sicuramente il vantaggio di presentarsi al visitatore come un'oasi cittadina accogliente in qualsiasi stagione dell'anno, ma allo stesso tempo appare 'congelato' come se il tempo si fosse fermato, del resto in perfetta sintonia con l'interno della villa stessa.

Commenti

  1. In effetti sembra di altri tempi! Molto carina la convallaria, se avessi un pezzettino di terra la valuterei volentieri, ma ahimé non posso tappezzare un terrazzo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che il giardino non è certamente il motivo per cui visitare Villa Necchi Campiglio ;)
      L'impianto è a grandi linee quello originario ma l'effetto di fermo-immagine è dato proprio dall'ampio utilizzo di piante sempreverdi, che rendono il giardino sempre uguale in qualsiasi stagione.
      Per quanto riguarda la convallaria...beh, puoi sempre usarla per tappezzare un vaso, se proprio vuoi provarla ;)
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…