Passa ai contenuti principali

Italia da scoprire: Sassuolo

Quando mi hanno proposto di passare una domenica nel Modenese, ho accettato senza grandi aspettative.
Certo, l'Emilia Romagna è rinomata per il cibo e sicuramente avrei avuto un pranzo indimenticabile ma il resto è stato un'autentica sorpresa...


Eccomi dunque a Sassuolo, una cittadina all'apparenza come tante altre ma che proprio nel suo centro custodisce i suoi tesori.
E cosa potrà mai essere questa bizzarra costruzione che fa capolino in mezzo alle case?


Si tratta della Peschiera Ducale, chiamata familiarmente Fontanazzo dagli abitanti di Sassuolo, una vasca per l'allevamento ittico per la mensa del Duca d'Este, ma anche teatro d'acqua, luogo di svago e di sicuro una spettacolare scenografia architettonica, edificata nella seconda metà del 1600...




Questa incredibile costruzione si trova accanto al Palazzo Ducale, residenza estiva del duca Francesco d'Este, uomo colto e molto ambizioso, che voleva che la sua corte non sfigurasse al confronto con le più grandi corti d'Europa...


Se da una parte l'edificio storico rimane praticamente inglobato nel contesto urbano e quello che un tempo fu un immenso giardino di delizie ora è diventato un parco pubblico, la parte posteriore del palazzo si affaccia invece sugli spazi aperti della campagna modenese...



Il Palazzo Ducale merita senz'altro una visita al suo interno...




Le stanze aperte al pubblico sono interamente affrescate, in un tripudio di bellezza tale da lasciare senza fiato, al punto non sai più dove guardare...




Dai soffitti alle pareti, nessuno spazio è stato lasciato in bianco...







Un vero gioiello, eppure poco conosciuto, che ora custodisce alcune opere d'arte recuperate dal terremoto che aveva colpito la regione, in attesa di essere ricollocate nei luoghi di provenienza...


E pensare che io conoscevo Sassuolo solo per le piastrelle di ceramica!
Beh, a dir la verità le piastrelle le ho viste...



come rivestimento all'interno dei camini del palazzo!

Ma la mia visita nel Modenese continua...


Commenti

  1. Siamo in un Paese pazzesco senza saperlo e apprezzarlo a sufficienza , che luogo sorprendente !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero viviamo in mezzo al bello e all'arte anche grazie a quelle opere da noi considerate 'minori' ma che tanti altri Paesi ci invidiano.
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…