Passa ai contenuti principali

Moda di carta

Ci vogliono ore e ore per realizzarli, sono bellissimi e accuratamente rifiniti eppure...non si possono indossare!
Sono i vestiti creati da Isabelle de Borchgrave, l'artista belga che realizza splendide repliche di abiti storici usando solo...carta e colla!
Queste opere incredibili sono esposte in questi giorni a Milano, ambientate nella eccezionale cornice di Villa Necchi Campiglio...


Sono le repliche di 30 abiti-icona che hanno fatto la storia della moda e dello stile, in un periodo compreso tra la fine dell'Ottocento e la prima metà del Novecento.
Ci sono quindi capi di Mariano Fortuny, Poiret, Chanel e Dior, solo per citarne qualcuno, ma ci sono anche le fedeli riproduzioni di due abiti di corte, uno di Elisabetta I e uno di Maria Antonietta.



Ciò che rende unica una mostra già di per sè speciale, è l'averla inserita nelle stanze di Villa Necchi Campiglio, una delle più eleganti abitazioni private di Milano, ora casa-museo gestita dal FAI (Fondo Ambiente Italiano).
Per osservare dunque le opere di Isabelle de Borchgrave, il percorso espositivo si snoda nelle varie sale della villa...







L'esposizione prosegue anche al piano superiore, la parte più privata della villa, dove gli abiti di carta trovano la loro ambientazione nei lussuosi bagni interamente rivestiti di marmo arabescato...


entrando poi nelle diverse camere da letto...




Nonostante gli abiti esposti siano fatti solo di carta, l'artista-artigiana riesce a riprodurre l'effetto e la consistenza dei diversi tessuti, dal velluto alla seta, dallo chiffon al broccato.
Oltre agli abiti, Isabelle de Borchgrave ricrea sempre in carta qualsiasi accessorio... 



Nulla è lasciato al caso, ogni più piccolo dettaglio degli abiti è riprodotto con estrema cura e minuzia, partendo sempre da un semplice foglio di carta, quello che generalmente viene usato dai sarti per fare i modelli.
Con le mani, Isabelle de Borchgrave lavora la carta che viene pressata, stropicciata, plissettata, arricciata.
Con l'acqua ne modifica la consistenza, arrivando a ottenere perfino delle eteree trasparenze.
Con la pittura riproduce gli effetti dei tessuti e dei ricami, utilizzando anche la tecnica dello stencil per ricreare pizzi, merletti e damaschi...






Nel sottotetto della villa è stato infine allestito un laboratorio dove si possono toccare i diversi campioni di carta lavorata dall'artista e assistere a un breve filmato girato nel suo atelier di Bruxelles



Gli abiti di Isabelle de Borchgrave non possono purtroppo essere indossati ma, se ti piacciono le sue creazioni, nel bookshop del villa puoi acquistare i suoi gioielli di carta.


La mostra 'Moda di Carta' 
fino al 31 dicembre 2016
Info per orari e biglietti qui 

Se vuoi saperne di più sulla villa, puoi rileggere il post che ho già pubblicato:
Villa Necchi Campiglio

Commenti

  1. Che artista meravigliosa! Grazie Luisella per dare a tutti noi la possibilità di ammirare tutto questo, l'ho apprezzato moltissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Fiorella!
      sono felice di condividere le mie piccole scoperte e ancora di più quando vedo che piacciono alle amiche del mio blog.
      Ciao! :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Davvero sono abiti spettacolari e sembra impossibile che siano fatti solo di carta!
      Ciao!:)

      Elimina
  3. Sono opere artistiche preziose e raffinatissime, ma villa nechi è un,opera d,arte per cui mi commuovo, ecco, l,ho ammesso! Ciao cara e preziosa indagatrice del bello che ci gira attorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io amo questa villa e l'atmosfera che si respira, elegante e raffinata, di un modo di vivere che ormai non ci appartiene più ma che mi affascina tantissimo.
      Grazie Laura, sono contenta che anche tu apprezzi tutto ciò.
      Ciao! :)

      Elimina
  4. Bella la villa ,belli i vestiti grazie per avermi dato la possibilità di sbirciare.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuta :)
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…