Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2016

The Art of the Brick

C'è chi con il Lego ci gioca e chi invece utilizza i mattoncini colorati per realizzare spettacolari costruzioni...


E' quello che fa l'americano Nathan Sawaya, che ha abbandonato la professione di avvocato e ha trasformato la sua passione per il Lego in un lavoro.
Da anni le sue opere fanno il giro del mondo con la mostra 'The Art of the Brick' che di recente è arrivata anche in Italia, a Milano e io l'ho visitata.

Questa, tanto per cominciare, è la biglietteria...


All'entrata si assiste a un breve filmato dove Nathan Sawaya si presenta ai visitatori della mostra...


Le sue costruzioni spiccano nelle sale buie dell'esposizione, passando da quelle apparentemente più semplici (si fa per dire, eh)...


a riproduzioni di celebri opere d'arte che lasciano a bocca aperta...


Ogni costruzione è affiancata da un cartellino bilingue che ne indica i dati tecnici, dalle misure, al numero di mattoncini, fino al tempo impiegato per la realizzazione, oltre a una breve descr…

Bacche d'autunno

Nonostante la pioggia e la nebbia, io non riesco a vedere il mese di Novembre come una pennellata grigia.
Il giardino in autunno regala ancora molti colori.
Vogliamo parlare ad esempio delle bacche che occhieggiano sui rami di molte piante?


Anche le bacche sono bellissime e in questa stagione le utilizzo spesso per decorare la mia casa, al posto dei fiori...




Ho scoperto così che diverse bacche, messe in un vaso con l'acqua, durano più a lungo dei fiori recisi.
Ti ricordi le rose che decoravano le confezioni di Au nom de la rose?
Le avevo messe in un piccolo vaso di vetro, aggiungendo come 'contorno' proprio le bacche che avevo in casa già da una settimana...




Le rose ormai sono appassite e le ho buttate, ma le bacche sono ancora qui!

Anche tra la vegetazione spontanea, considerata infestante, si possono fare ritrovamenti interessanti.
Nel parcheggio incolto dietro casa mia cresce rigogliosa la Fitolacca, un'erbacea che io trovo bellissima e che in autunno matura dei grappoli di…

Una spa riservata alle regine

La Villa Reale di Monza sta ritornando ai suoi antichi splendori e, grazie ai lavori di restauro, nuovi tasselli vanno lentemente a ricomporre il mosaico della sua storia.
Sembra incredibile, ma già nel '700 questa 'residenza di campagna' voluta dall'imperatrice Maria Teresa d'Austria per il figlio Ferdinando d'Asburgo era dotata di un lusso esclusivo: una vera e propria spa per il benessere personale e il relax delle sovrane...


Sono tre locali collocati nel quarto sud del piano terra del corpo centrale della Villa, collegati tramite una scala agli appartamenti riservati alle regine e alle principesse che hanno abitato il palazzo.
Questi locali furono realizzati appositamente dall'architetto imperiale Giuseppe Piermarini per Maria Beatrice d'Este, moglie dell'Arciduca Ferdinando e prima inquilina della Villa Reale di Monza.
Furono però scoperti solo 15 anni fa, quando il Comune di Monza iniziò i lavori di ristrutturazione di questi locali, apparentement…