Passa ai contenuti principali

Una Wunderkammer a sorpresa!

Il granaio di una vecchia casa colonica in Brianza è stato riadattato ad abitazione, e fin qui niente di strano.
Sono rimasta invece molto sorpresa nello scoprire come qualcuno abbia utilizzato l'anonimo vano d'ingresso per trasformarlo in una piccola 'stanza delle meraviglie'...



Nonostante la vetrata d'ingresso sia molto grande, dal cortile l'interno rimane seminascosto dalla vegetazione...



Anche il riflesso del sole sui vetri  contribuisce a rendere poco visibile l'interno.
E' stato solo avvicinandomi che ho potuto scoprire una piccola Wunderkammer, una stanza dove sono riunite collezioni e oggetti di vario tipo e natura.

Per cominciare, su un vecchio tavolino è esposta una collezione di cactacee e succulente.
Per ogni pianta è stato scelto un vaso particolare e sempre differente, quasi si trattasse di un'altra collezione a sè.
Tra i vasi poi è disposto un assortimento vario di minerali, tra i quali ho distinto un geode di ametista... 


Accanto al tavolino, una vecchia scala riunisce altre piantine, semi essiccati e agglomerati di esoscheletri marini...


Un tronco, circondato alla base da grossi ciottoli di forma arrotondata, piante di aloe e foglie secche di palma dalla forma a ventaglio, fa da supporto a stelle marine, gabbiette di ferro, rami intrecciati e grappoli essiccati di Koelreuteria paniculata, che sono visibili nella foto all'inizio del post..



Accanto alla porta d'ingresso dell'appartamento a piano terreno è appoggiato un grosso ramo, decorato da mazzi assortiti di semi essiccati, tra cui un bel ciuffo di capsule di papavero...


Dal soffitto pende pure una canna di bambù posta orizzontalmente e che è diventata il contenitore di un'altra collezione di piccole cactacee



Questa incredibile vetrina mostra tanti altri tesori, tra cui due paravento in legno, utilizzati per esporre una collezione di foglie essiccate, disposte in ordinate composizioni...


Molto altro ancora deve essere conservato al piano superiore della vetrata, ma a malapena dal basso sono riuscita a vedere qualcosa...


Un modo davvero originale di arredare un ingresso e al contempo di esporre le proprie collezioni ma...non vorrei essere nei panni di chi deve pulire l'atrio!

Commenti

  1. Bello questo Cabinet de curiosités, nati proprio per esporre collezioni a tema naturalistico.I paravento con le foglie mi piacciono tantissimo.
    Luisellaaaaaa cosa fai? Ti metti a spiare? Dovevi suonare il campanello...e chiedere di fare foto: non ti avrebbero negato il permesso. Chi arreda in questo modo è ben felice di condividere le proprie" curiosità".In caso contrario ti avrebbero cacciato a male parole ;)
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I paravento sono piaciuti tantissimo anche a me!
      Comunque sono stata costretta a spiare...io ho suonato, ma nessuno ha risposto ;-)
      Ciao!!! :)

      Elimina
  2. Mi piace! Povera signora delle pulizie ;(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Facebook hanno commentato che queste cose NON si puliscono anzi, la polvere aggiunge il fascino del tempo :-D

      Elimina
    2. ah ecco! Il famoso 'valore aggiunto' *_*

      Elimina
    3. l'"acume" di certi commenti su facebook è certificato ;)

      Elimina
  3. Ragazze siete uniche... Valentina

    RispondiElimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…