Passa ai contenuti principali

Acquisti d'autunno: Rhynchospora colorata

Quegli enormi supermercati del verde che sono i garden center, hanno capito che, oltre alle piante più comuni, bisogna proporre ai clienti qualche 'chicca' che sappia incuriosire anche il giardiniere più esigente.
E così, durante il recente giro nel mio garden center di fiducia, ho trovato due piante che non avevo mai incontrato.

La prima l'ho scovata sul bancale delle graminacee: è la Rhynchospora colorata...


E' una erbacea perenne della famiglia delle Cyperaceae e quindi è una parente stretta del più comune papiro.
La Rhynchospora è originaria delle aree temperate dell'America, dove vive nelle paludi, lungo i corsi d'acqua e nei terreni mal drenati.


Dalla rosetta basale simile a un bel ciuffo d'erba verde brillante, si innalzano lunghi steli rigidi che portano un piccolo gruppo compatto di minuscoli e insignificanti fiori.
La bellezza di questa pianta sta infatti nelle bianche brattee stellate che incorniciano i fiori...



Dalle mie ricerche, pare che questa pianta possa resistere fino a -6° ma, essendo un recente acquisto, non avrà il tempo per acclimatarsi adeguatamente nel mio giardino, quindi provvederò senz'altro a darle un riparo prima dell'arrivo del gelo.
Poi si vedrà...


La delicata bellezza delle brattee ha fatto attribuire alla Rhynchospora dei bei nomi di fantasia.
In Francia viene comunemente chiamata Danseuse étoile (Prima ballerina)
In tedesco il suo nome è Stern-Sumpfgas (Stella di palude)
Nei paesi di lingua inglese è nota invece come Star sedge (Carice stellato) ma anche con il nome di 
White beak-sedge (Carice dal becco bianco)

E domani ti mostrerò la mia seconda novità...

Commenti

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…