Passa ai contenuti principali

I crisantemi io li metto...in casa!

In questo periodo i crisantemi sono ovunque: vasi rigogliosi ricoperti di fiori, c'è solo l'imbarazzo della scelta, tante sono le forme e le dimensioni delle corolle e l'assortimento dei colori.
Ma perchè portarli solo in cimitero?
Qualche vaso io lo metto anche dentro casa, come se fosse una pianta da interno!

Quest'anno ho scelto un piccolo vaso dai fiori arancioni, proprio come le mie zucchette ornamentali preferite...


L'ho messo in un vaso di ceramica, l'ho circondato di zucchette...

Et voilà...


Il crisantemo vive bene anche in casa e la sua fioritura dura parecchie settimane.
Taglio i fiori che appassiscono e così mantengo sempre fresco l'aspetto della pianta.
L'unica accortezza è non lasciar seccare il terriccio, mantenendolo sempre leggermente umido, ma non zuppo d'acqua, mi raccomando! 
Al termine della fioritura, sposterò il vaso in giardino e taglierò gli steli quando saranno seccati.
Conserverò il vaso contenente il ceppo con le radici perchè da lì crescerà di nuovo una pianta.

Già a fine agosto però una piantina di crisantemo dava il benvenuto all'ingresso di casa mia.
L'avevo trovato all'Ikea e mi avevano conquistato i suoi fiori densi di petali bianchi contornati di verde...


E così avevo messo questo crisantemo nel trespolo-nido accanto alla porta di casa dove è rimasto fino a qualche settimana fa, quando l'ho sostituito, indovina un po', con...le mie zucchette ornamentali, in tema con la stagione.


Ma non l'ho buttato!
La pianta è bella e ha ancora un paio di fiori, l'ho semplicemente spostata.

Tempo fa trapiantavo in giardino i ceppi di crisantemo che avevano terminato la loro fioritura: avevano formato una bella aiuola che di anno in anno rifioriva e si ingrandiva.
Ora preferisco tenerli in vaso, anche raggruppandoli tra loro in contenitori più grandi.
In questo modo li posso tenere lontano dalla vista durante la primavera e l'estate quando le piante formano dei densi cespugli verdi ma sono un po' anonime, mentre in autunno li sposto in primo piano per godere da vicino la loro fioritura.

Se vuoi vedere com'era la mia aiuola di crisantemi, ecco il post che avevo pubblicato nel mio precedente blog di giardinaggio:
Crisantemi in giardino, perchè no? 

Commenti

  1. Adoro i crisantemi,soprattutto quelli bianchi.valentima

    RispondiElimina
  2. Io ne ho presi due con il fiore a margherita bicolore, bianco e rosa scuro. Li terrò in casa fino a settimana prossima e poi li porterò alla tomba di mia madre. Però è un peccato perché in realtà sono fiori molto belli, che pagano l'associazione con il culto dei morti. Però è uno dei pochi odori che non tollero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In molti Paesi il crisantemo è simbolo di fortuna e di felicità, mentre da noi è considerato solo il fiore dei morti ed è un vero peccato perchè ci sono cultivar dai colori stupendi.
      Pensa che in Giappone il crisantemo è utilizzato per gli allestimenti dei banchetti nuziali...quale sposa lo farebbe qui da noi?

      Elimina
  3. Anche io ho diversi vasi di crisantemi, degli stessi colori del tuo precedente post. Non mi curo della simbologia che questi fiori hanno in Italia e godo semplicemente della loro lunga e duratura fioritura 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che quell'aiuola inizialmente era composta solo da crisantemi bianchi a fiore piccolo, a corolla semplice, doppia e stradoppia.
      Poi via via si sono aggiunti i crisantemi delle mie amiche di cui ignoravo il colore perchè li portavano da me quando le piante erano rinsecchite.
      Quindi si era formata una tavolozza di colori piuttosto caotica :-D
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…