Passa ai contenuti principali

Acquisti d'autunno: Calluna Gardengirls®

Non ho molta fortuna con il brugo, che sia Calluna o Erica, ogni volta queste piantine fanno comunque una brutta fine, nonostante tutte le mie cure.
Quindi ogni anno mi riprometto sempre di non acquistarle, ma raramente mantengo la promessa.
Però, come facevo a non comprare questa?


Si tratta della Calluna vulgaris Gardengirls®, un gruppo speciale di Calluna creato dall'ibridatore tedesco Kurt Kramer.
I fiori di queste Calluna non si schiudono e le piante rimangono così inalterate per tutto l'inverno.
Sono state create circa 60 varietà in un'ampia gamma di colori, suddivise in 3 gruppi per periodo di fioritura.
Tra le Calluna vulgaris  Gardengirls®  esistono anche 3 specialità e quella che ho acquistato io è proprio una di queste:
Calluna vulgaris  Gardengirls® 'Claire'...


La particolarità che la distingue dalle altre dello stesso gruppo sta nel portamento ricadente degli steli, oltre ad essere una varietà nana.
Insomma, è senza dubbio una Calluna dall'aspetto unico e come tale le ho dato un posto di riguardo sul tavolo del mio giardino...


Se anche tu sei curiosa di scoprire come è nato questo gruppo speciale di piante, QUI  trovi la sua storia raccontata dall'ibridatore stesso.

A proposito, lo sai che differenza c'è tra Calluna ed Erica?
La differenza più evidente sta nel periodo di fioritura: la Calluna fiorisce tra la fine dell'estate e l'autunno, mentre l'Erica fiorisce a fine inverno.
Ma non solo...
Ci sono anche differenze morfologiche nella forma del fiore e nella disposizione delle foglie che nella Calluna sono strettamente sovrapposte tra loro, mentre quelle dell'Erica sono disposte a spirale e protese all'infuori.

Commenti

  1. Eh! Anche la mia ha fatto una brutta fine! Non so cosa fare perchè ha ancora delle parti verdi ma puzza potentemente. Anch’io non avevo resistito perchè è proprio nella ma ha smesso di bere. L’ho tolta dal vaso e ho trovato un apparato radicale spugnoso fitto impossibile da districare. Proverò ancora a piantarla ma non so se andrà bene. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia invece è finita nel compost della discarica comunale 😁
      Ciao!

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…