Passa ai contenuti principali

Il ritorno dellle zucche!

Ti ricordi le mie zucche ornamentali, quelle che lo scorso autunno avevo utilizzato per creare diverse composizioni?
Massì, proprio queste...



le stesse indistruttibili zucche che mi erano servite anche per un bouquet da paura e per un centrotavola di Halloween.
Le avevo 'archiviate' solo durante il periodo natalizio, ma poi le avevo nuovamente riutilizzate fino a Pasqua.
Erano sempre perfette e bellissime ma ad Aprile ho pensato che, se pur a malincuore, era tempo di sostituirle con qualche decorazione più in linea con la stagione primaverile.
No, non le ho buttate, come avrei potuto?
Ho semplicemente spostato il vassoio con le zucche nel mio studio...


...finchè un giorno ho deciso di farle sparire dalla mia vista.
No, nemmeno questa volta le ho buttate!
Le ho messe in una scatola di cartone che ho riposto in cima alla libreria del mio studio e lì sono rimaste fino all'altro giorno.
Eccole qua...


Ho trovato che le zucche si sono completamente essiccate e sono perciò diventate leggerissime!
Le più piccole, quelle verdi, si sono rattrappite e quindi le ho finalmente buttate nel compost...


mentre le altre hanno mantenuto la loro forma.
Tutte però erano ricoperte da un leggero strato superficiale di muffa bianca, che comunque non aveva intaccato la scorza, ormai indurita...


Solamente le parti che appoggiavano sul fondo di cartone della scatola presentavano uno strato più consistente di muffa...


Il tutto però era completamente secco, asciutto e inodore, così ho avuto un'idea!
Con l'aiuto di una spugna abrasiva e di uno spazzolino, ho delicatamente lavato e ripulito le zucche...


e poi le ho stese ad asciugare al sole...


Et voilà...


le zucche son tornate!
No, non le userò per rifare il centrotavola autunnale, per quello da mesi sto coltivando nella casa di campagna delle nuove zucche decorative.

Eppure queste longeve zucche con il loro aspetto un po' fanè mi saranno ancora utili e presto scoprirai come... 


Commenti

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…