Passa ai contenuti principali

Passo Crocedomini

Durante un recente viaggio in moto ci siamo fermati al Passo di Crocedomini, un valico lombardo delle Alpi centrali a 1892 mt di quota.


La strada per raggiungerlo è bella e panoramica e, dopo aver attraversato un tratto boschivo di fitte conifere, si arriva infine in cima al passo.



Qui gli alberi spariscono e la vista spazia a 360° sulla bellezza dello scenario alpino, sulle valli, sui monti circostanti e sugli sconfinati e verdissimi pascoli disseminati di bovini...







Ma è proprio la presenza dei bovini  al pascolo che rende ardua la ricerca della flora locale in questo periodo.
Infatti sono state risparmiate solo alcune Gentiana asclepiadea...




le immangiabili rosette spinose della Carlina acaulis...


e naturalmente i velenosi Aconitum napellus...


Il Rifugio Passo Crocedomini è un ritrovo molto accogliente e apprezzato e per chi arriva qui una sosta è d'obbligo.



Il rifugio offre un'ampia scelta di piatti tradizionali preparati con prodotti locali.
Io ho gustato un delicato orzotto alle ortiche...


e una strepitosa crostata con frutta secca...


perchè, parliamoci chiaro, nessuno si ferma in un rifugio alpino per mangiare due foglie d'insalata!

Nel prato appena fuori dal rifugio, facevano capolino tra l'erba dei bellissimi e giganteschi funghi porcini...


intagliati nel legno da un anziano artigiano del luogo...


Impossibile resistere: ne ho comprati tre piccoli...


che mi saranno utili per le mie composizioni autunnali.

Commenti

  1. Spettacolari i funghi,hai fatto bene a comprarli.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne avevo mai visti di così realistici e poi i miei sono piccolini, mi è stato facile trovargli una sistemazone, vedrai ;-)
      Ciao :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…