Passa ai contenuti principali

Lago d'Ampola

Ci sono passata accanto in moto tantissime volte, ma solo di recente sono riuscita ad andarci, proprio per visitare il biotopo Lago d'Ampola.


Il lago d'Ampola si trova nel comune di Tiarno di Sopra, in Trentino, uscendo dalla Valle di Ledro.
Più che un lago lo definirei uno stagno, ma è un luogo di grande interesse naturalistico, un ambiente non comune in Trentino, dove le aree paludose sono state quasi del tutto bonificate.
Al contrario il lago d'Ampola è stato oggetto di un recupero ambientale che ha dato vita ad un lago naturale, dove cioè non esiste una netta separazione tra acqua e terra.

Dal posteggio parte una lunga passerella sopralzata di legno che attraversa un prato umido ricoperto da un 'mare verde' di graminacee (Molinia coerulea) e di Carex, che creano onde mosse dal vento...



In primavera, al disgelo, il prato paludoso si inonda e nel tappeto verde spuntano specie delicate...



Nel lago d'Ampola il passaggio tra acqua e terra avviene in maniera graduale e quindi naturale, con specie vegetali tipiche delle aree palustri che, essendo molto diversificate, ospitano una fauna molto ricca.




Dopo un sentiero terrestre, si accede ad un nuovo pontile che si affaccia direttamente sul lago, ricoperto da una distesa di nannufari (Nuphar luteum)



Si prosegue poi lungo un sentiero che conduce al Centro Visitatori a cui è stato dato un nome lungo e curioso 'Beati come rane su una foglia di ninfea'...


Il Centro svolge una funzione divulgativa e didattica, offrendo ai visitatori una serie di esperienze naturalistiche, con spazi interattivi e vari allestimenti.


Più avanti il sentiero si addentra nel bosco...





per ritornare infine alla passerella d'ingresso che riporta al parcheggio.


L'intero percorso di visita richiede all'incirca un'ora di tempo, ma tutto dipende ovviamente da ciò che ognuno desidera scoprire all'interno di questo luogo affascinante.

Il biotopo Lago d'Ampola è visitabile gratuitamente tutto l'anno, mentre il Centro Visitatori è aperto da maggio a settembre.

Se ci vuoi andare anche tu, trovi tutte le info qui.

Commenti

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…