Passa ai contenuti principali

Guerrilla gardening VS giardiniere comunale

La manutenzione del verde cittadino è sempre una nota dolente per le amministrazioni comunali ed è abbastanza frequente che, mentre le aiuole del centro città siano curate e in ordine, quelle della periferia siano spesso incolte e trascurate.
Vicino a casa mia ad esempio c'è una di queste aiuole dimenticate, un fazzoletto di terra ricoperto da erbacce, con in mezzo un alberello.
Un anonimo giardiniere di buona volontà in primavera ci aveva interrato dei semi e in poco tempo si era formata una rigogliosa striscia di cespuglietti verdi...


Niente di straordinario, ma erano spuntate alcune piantine di Bella di Notte (Mirabilis jalapa)...


In mezzo alle piantine il giardiniere aveva inserito anche un cartello che mi aveva suscitato tenerezza...


Purtroppo questa piccola aiuola si trova in vicinanza della scuola elementare e, vista la ripresa dell'anno scolastico, la scorsa settimana il Comune ha disposto un intervento di 'pulizia' dell'area circostante.
Ed ecco come si presenta la piccola aiuola, dopo lo sbrigativo lavoro del giardiniere comunale...


e quel che rimane delle Bella di Notte...


Preferisco non commentare.

Commenti

  1. Da noi aiuole anche piccole vengono affidate a privati o aziende che in cambio possono mettere il loro cartello. Sono sempre ben mantenute. In comune c'è un elenco degli spazi concedibili e chi vuole fa richiesta. Certo, sono tanti e per ora hanno aderito in pochi. In centro funziona così da diversi anni e le aiuole sono sempre belle. Credo che sia una cosa ottima, anche perché il comune ha pochi fondi e a volte spende soldi per il verde che poi si dimostrano spesi male (per esempio hanno piantumato un giardino con clima già caldo e le piante sono seccate quasi tutte, se avessero piantato in autunno o perlomeno irrigato regolarmente avrebbero avuto molte meno morie... Idem con le piante di rose davanti all'asilo... Ne sono rimaste poche per il continuo calpestio dei bambini e la mancanza di irrigazione). Giuro che se avrò modo, una volta preso il via con il nuovo corso scolastico dei miei figli, me la prendo anche io una aiuoletta pubblica da curare... Se ne trovo una didimensioni adatte e non troppo fuori mano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, le aiuole per così dire sponsorizzate ci sono anche qua ma, che sappia io, non ne ho mai vista una 'adottata' da un privato.
      Mi sembra invece un'ottima idea, soprattutto per le aiuole di piccole dimensioni.
      Vai Novella!!!!!

      Elimina
  2. Vicino casa mia c'è una villa comunale con tanti alberi anche da frutto ebbene ogni anno i giardinieri potano una pianta da frutto a cespuglietto impedendole di fiorire e fruttificare ,noi speriamo sempre che imparino ma il percorso è arduo e faticoso....uffa . Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è proprio questo il metodo di manutenzione del verde più diffuso nelle nostre città: un esercito di cosiddetti 'giardinieri' armati di motoseghe e decespugliatori :(

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…