Passa ai contenuti principali

Grazzano Visconti - seconda parte

Se ti aggiri per le vie sterrate di Grazzano Visconti, noterai un po' ovunque insegne e stemmi.
C'è naturalmente lo stemma del casato Visconti di Modrone...




oltre all'insegna viscontea che tutti conosciamo, il Biscione a sette spire, risalente al 1200...



Ma non solo...
Se osservi con attenzione, noterai su alcune facciate un'altra insegna, raffigurante un garofano con lo stelo avvolto da un cartiglio che reca una misteriosa scritta a caratteri gotici:
'Semper otla ni adraug e enetapipmi'
                                                               

Il mistero è presto risolto se leggi la scritta del cartiglio basale da destra verso sinistra:
'Impipatene e guarda in alto'
Pare si tratti del motto ideato dal duca Giuseppe, in risposta ai detrattori del suo ambizioso progetto.

Grazzano Visconti però, oltre ad essere un indubbio richiamo turistico per il territorio, è comunque un borgo che conta attualmente 180 abitanti.

 
Ci sono quindi diverse tipologie di abitazioni private, ma la caratteristica comune rimane sempre lo stile medievale che identifica l'intero villaggio...





All'interno delle mura che cingono Grazzano Visconti c'è anche una zona di 7000 mq chiamata CorteVecchia, edificata ex-novo nel 1905 e che riproduceva i fabbricati contadini del luogo.
Attualmente ospita un'area verde, negozi e una sala mostre...


oltre ad una esposizione permanente di macchine agricole e attrezzi contadini del passato...


Anche se l'artigianato locale è ormai rappresentato solo in minima parte, l'attivissima Pro Loco di Grazzano Visconti riesce ogni anno ad attirare un numero davvero considerevole di turisti e visitatori, organizzando moltissime manifestazioni a carattere culturale, folkloristico, storico, eno-gastronomico e naturalistico.
In particolare viene dato uno speciale risalto a eventi che promuovono e divulgano la cultura medievale.
Se sei interessato, puoi consultare a questo link  l'elenco dei prossimi eventi che si svolgeranno a Grazzano Visconti. 

Se invece vuoi rileggere la prima parte del mio racconto che ho pubblicato ieri, la trovi qui:
Grazzano Visconti

Commenti

  1. Caratteristico e bellissimo posto, complimenti per le bellissime foto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…