Passa ai contenuti principali

Girasoli in città

Girando in campagna è facile incontrare campi di girasoli.
Questa spettacolare distesa, ad esempio, l'ho fotografata in agosto in Provenza...


eppure da qualche tempo mi capita sempre più spesso di vedere i girasoli anche in città...


Mi basta girare perfino tra le vie del mio quartiere per trovare una fila di svettanti girasoli lungo la recinzione di una casa...


e non si tratta di un caso isolato perchè qualche via più in là un altro giardiniere ha avuto la stessa idea...


La soluzione che preferisco è però quella di un altro giardiniere del mio quartiere che ha piantato un solo e statuario girasole proprio accanto al cancello d'ingresso...


Il girasole (Helianthus annuus) è probabilmente uno dei fiori più facili da coltivare ma è anche quello che, con la sua gigantesca crescita in altezza può creare qualche perplessità ad inserirlo in un giardino di città.
Esistono però in commercio varietà nane di girasoli.
Ricordo che lo scorso anno, durante gli eventi organizzati nelle giornate del Gran Premio di F1, il Comune di Monza aveva allestito nella piazza centrale della città delle coloratissime aiuole temporanee proprio utilizzando i girasoli nani...




mentre, uscendo dall'aeroporto di Schipol, avevo trovato vasi di girasoli di dimensioni contenute ma purtroppo non ancora fioriti che, con chiaro riferimento a Van Gogh, davano il benvenuto ad Amsterdam...



Il rustico girasole lascia la campagna e va alla conquista della città!

Commenti

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…