Passa ai contenuti principali

Il giardino d'acciaio

Immagino già la faccia esterrefatta e disgustata di qualche mia amica giardiniera alla vista del post di oggi...ma giardini fuori dalle regole esistono eccome, e sono attorno a noi...


Quello che ti mostro oggi, se avrai il coraggio di continuare a scorrere le foto senza pregiudizi, l'ho trovato a Seregno, una cittadina in provincia di Monza.
Ci sono passata accanto in auto e un intenso bagliore metallico ha catturato la mia attenzione...


E' un giardino privato, ma perfettamente visibile dalla strada, che ospita uno zoo di animali in acciaio inox...


Lontano anni luce dal mio gusto personale, eppure ho fermato l'auto e mi sono avvicinata per vedere meglio da vicino questo stranissimo e scintillante giardino di acciaio.
Gli animali metallici che lo popolano sono principalmente uccelli, con piume e penne forgiati singolarmente nei più piccoli dettagli e quindi assemblati.
Una cicogna in volo sovrasta la cancellata e gira al minimo soffio di vento...


Ma il bestiario è assolutamente vario...





perchè oltre agli uccelli, ho visto pure una giraffa, un orso, una gigantesca farfalla, uno stambecco, canguri, pesci ma non mancano nemmeno un Cristo e una Madonna.

C'è perfino uno smisurato serpente decorato con smalti che scende inaspettato dalla cima di un alto pino...


Ci sono anche riproduzioni del mondo vegetale...



che raggiungono l'apoteosi nella cancellata, decorata da giganteschi fiori bidimensionali...







Alcune opere recano la data di creazione, altre il nome dell'animale  e a volte anche la firma dell'autore, Serafino Arienti. 
In un angolo del giardino ho notato poi la sepoltura di un animale domestico chiamato Camilla, naturalmente con la lapide e il vasetto di fiori sempre in acciaio inox...


Potrei facilmente etichettare questo giardino come kitsch, eppure non me la sento mai di esprimere giudizi sui giardini altrui...


perchè sono convinta che ogni giardino, proprio come ogni abitazione, debba rispecchiare il gusto e la personalità di chi lo vive.
E sono certa che il signor Arienti sia felice nel suo giardino di acciaio inox...

Commenti

  1. Gli inserti nella cancellata sono molto belli! Il resto... Apprezzo la fattura perché veramente sono oggetti di pregio, però non li terrei nel mio giardino. Ma l'importante, come hai detto tu, è che piacciano al proprietario. Di sicuro un premio all'originalità se lo merita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto tra noi...per me sarebbe un incubo anche solo affacciarmi su questo giardino, eppure ti assicuro che si percepiva benissimo la cura e l'entusiasmo del proprietario.
      Buona giornata Novella! :)

      Elimina
  2. È nelle vicinanze di casa mia. Evito di passare quando c'è il temporale...
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah...non ci avevo pensato...meglio essere prudenti!
      Ciao Stefano! :)

      Elimina
  3. Concordo: non giudichiamo il giardino altrui. Eppure è così coerente ed appassionato da piacermi. Non somiglia al mio, ma che c'entra? Interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, appassionato è l'aggettivo giusto per descrivere questo giardino perchè è proprio la passione di questo signore che traspare da ogni dettaglio.
      Certo, qui il giardinaggio non c'entra niente, il giardino diventa un contorno, la cornice per i lavori d'acciaio.
      Ciao!

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!