Passa ai contenuti principali

Una vecchia insegna

Lo scorso weekend sono stata a Cremona per una visita molto particolare di cui presto ti racconterò.
Ne ho approfittato anche per andare a rivedere una mia 'scoperta' di due anni fa.
Si tratta di una vecchia insegna...


La particolarità che già allora mi aveva colpito sta nel fatto che l'insegna sovrasta un negozio di parrucchiere, che nulla ha a che fare con essa...


Arrugginita, in parte scrostata e dai colori ormai sbiaditi, l'insegna è però ancora chiaramente leggibile e testimonia che i locali sottostanti avevano ospitato un negozio della Franchi Sementi, la storica azienda italiana che già dalla seconda metà del 1700 confezionava e vendeva sementi.



Due anni fa nel mio precedente blog di giardinaggio, avevo dedicato un post proprio a questo mio ritrovamento, evidenziando il fatto che gli attuali proprietari del negozio avessero mantenuto la vecchia insegna anzichè sostituirla con una che richiamasse l'attenzione sulla nuova attività di parrucchiere.


In seguito al mio post, avevo ricevuto una mail dall'Ing. Giampiero Franchi nella quale mi raccontava che in effetti il negozio era appartenuto ad alcuni suoi parenti e che era rimasto in attività fino a una decina di anni prima.
In seguito alla chiusura, il negozio era stato venduto.
L'Ing. Franchi era però rimasto piacevolmente sorpreso nel vedere che i nuovi proprietari avevano conservato la vecchia insegna e mi aveva scritto che avrebbe personalmente verificato la possibilità di un recupero dell'insegna da parte della sua azienda.

Ma, dopo due anni, l'insegna è ancora là.
Magari esistono dei vincoli conservativi, oppure i nuovi proprietari preferiscono tenerla...chissà...

Commenti

  1. Che meravigliosa insegna...speriamo riescano a ristrutturarla o forse conservarla anche così ha più fascino!!un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto pare nemmeno l'Ing. Franchi è riuscito a recuperarla...
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…