Passa ai contenuti principali

Storie di fantasmi: Aloisa

Il borgo di Grazzano Visconti, di cui ti ho raccontato in questi giorni, è sorto in prossimità di un castello risalente al 1300.
Nel 1800 il castello però era ridotto ad un rudere pericolante finchè nei primi anni del 1900 Giuseppe Visconti di Modrone diede inizio al recupero e al consolidamento dello storico maniero e, nei possedimenti attorno ad esso, iniziò la costruzione del borgo in stile medievale di Grazzano Visconti.

A differenza del borgo, il castello di Grazzano Visconti è quindi l'unico edificio che ha realmente una storia secolare e, come ogni castello che si rispetti, può vantare pure la presenza di un fantasma!


Il fantasma di Grazzano è di sesso femminile e si chiama Aloisa.
In un angolo di piazza del Biscione, seminascosta da una siepe, c'è la statua di questo personaggio,,,


Non esistono documenti storici a dimostrazione che questa donna sia realmente esistita e tutto ciò che si sa di lei è un miscuglio di aneddoti e leggenda, condito da una buona dose di trovata pubblicitaria.
Di certo la donna rappresentata nella statua non è per niente avvenente: di piccola statura, paffuta e con una pancia molto accentuata su cui appoggia le braccia, pare che il suo ritratto sia stato tracciato dalla mano di una medium durante una seduta spiritica.


Secondo la leggenda, Aloisa sposò giovanissima un bel Capitano della Milizia.
Ripetutamente tradita dal marito, morì di dolore causato dalla gelosia.
Il suo fantasma vaga nel castello e nel suo giardino, dove dispensa schiaffi e dispetti alle coppie di innamorati.
Per placare la sua ira, pare sia molto utile renderle omaggio, addobbando la sua statua con fiori, monili e nastrini che sembra siano doni molto graditi ad Aloisa.


In questi ultimi anni Aloisa sta però facendo carriera.
Grazie al diffondersi della sua notorietà, dovuta ad articoli su quotidiani e servizi televisivi realizzati anche da giornalisti inglesi, Aloisa si sta trasformando in protettrice degli innamorati.
Naturalmente anche il borgo sta approfittando della sua crescente fama e ogni anno organizza una festa in suo onore, tra giochi e spettacoli che culminano in una notte dedicata ad Aloisa...


Il castello di Grazzano Visconti però è di proprietà privata e quindi non è visitabile.
Solo il giardino è aperto al pubblico, in giorni e orari prestabiliti ma...attenti ad Aloisa!

Tutte le info per la visita al parco del castello a questo link.

Se vuoi rileggere i precedenti post, li trovi qui:
Grazzano Visconti
Grazzano Visconti - seconda parte

Commenti

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…