Passa ai contenuti principali

In discarica

Ogni settimana devo andare alla discarica comunale: taglio dell'erba, raccolta foglie, potature, ti assicuro che dalla primavera all'autunno e, più saltuariamente in inverno, il materiale 'verde' da portare ai cassoni del compost non manca mai.
Qualche mese fa però mi sono ritrovata a portare a casa io qualcosa dalla discarica...


Hai capito di cosa si tratta?
No, non sono strane e lunghissime pigne!
Sono rami secchi di Araucaria araucana, un albero sempreverde dalle particolari foglie triangolari, dure e appuntite, che ricoprono completamente i rami della pianta.
E' originaria del Cile, ma è molto diffusa da noi come pianta ornamentale da giardino.
Eccola...



Ora ti racconto come è andata.
Stavo scaricando dal baule dell'auto i miei sacchi da svuotare, quando ho visto avvicinarsi al cassone un signore con un secchio pieno di questi rami.
E un'idea mi è balenata per la testa!

"Signore scusi, mi darebbe per favore qualche pezzo di quei rami che sta buttando?"
"...????????..."
"Sa...mi potrebbero servire..."
"Aahh, le serve roba da bruciare nel camino?"
"Ehmm...no, vorrei usarli per fare qualche decorazione"
"...????????..."
"Sa, decorazioni come ghirlande, centrotavola..."
"Boh...contenta lei..."

E così ho rapidamente sfilato dal secchio qualche ramo, senza star lì tanto a scegliere...


Una volta a casa ho lavato bene i rami,  poi li ho messi  in 'quarantena' sul balcone, lasciandoli al sole, rigirandoli spesso e controllando che non si presentassero muffe o parassiti.


E domani scoprirai a cosa mi sono serviti...

Commenti

  1. Buongiorno Luisella....veramente ammiro (e un pò invidio) la tua creatività, bravissima!! Fiorella.

    RispondiElimina
  2. Ciaooo non avevo mai visto questa pianta....hi hi mi immagino la faccia del signore...non tutti sanno riciclare e creare hi hi!!Ora però sono curiosa di vadere cosa diventerà!!Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no Gabri, guarda che è una pianta comunissima nei giardini perchè ha il vantaggio di essere sempreverde e, a differenza di abeti e pini, l'Araucaria non perde aghi.
      Personalmente la detesto ma ora che ho scoperto i suoi rami secchi mi sembra già più interessante :-D
      Allora ti aspetto qua domani, ciao!!!! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…