Passa ai contenuti principali

Ghirlanda di fine agosto

BENTORNATI !!!!

Sono contenta di ritrovarti dopo la lunga pausa estiva e di riprendere oggi il nostro appuntamento quotidiano qui nel mio blog.
Ho un sacco di idee, di foto e di racconti da condividere con te e con calma lo farò.
Intanto comincio col mostrarti la nuova ghirlanda fuoriporta che ho realizzato...



L'ho fatta pochi giorni fa utilizzando, come mia abitudine, materiali naturali che ho raccolto attorno a casa.
Ora ti mostro come ho fatto...

Per prima cosa ho radunato sul tavolo tutto l'occorrente.
Sai cosa sono quei riccioli scuri?


Sono i baccelli secchi dell'oleandro che ho trovato nel cortile condominiale: hai mai notato come sono belli quando si arricciano?

Ed è proprio questa caratteristica che mi ha fatto pensare ad un possibile utilizzo decorativo di questi particolari riccioli legnosi...


Altri miei preziosi raccolti botanici sono state le infruttescenze cartacee del carpino nero e una manciata di samare, ovvero i semi 'alati' degli aceri...


Insomma, basta guardarsi attorno e si trovano tanti materiali naturali con cui creare con un po' di fantasia non solo ghirlande, ma anche composizioni di vario genere!

Come base per la mia nuova ghirlanda ne ho utilizzato una a forma di cuore, fatta con rami sbiancati, che avevo trovato tempo fa nel bazar dei cinesi.
Naturalmente, come al solito, ho fissato sul retro alcuni feltrini, quelli che comunemente si usano per le sedie, per non rovinare la porta di legno con graffi e sfregamenti...


Questo tipo di ghirlanda mi permette di inserire i vari componenti decorativi semplicemente incastrandoli tra i rami, senza bisogno di legarli.
La composizione diventa perciò molto facile e veloce!



Per primi ho infilato i riccioli di oleandro...


quindi ho messo qua e là le samare che sembrano quasi delle farfalle...


e infine ho aggiunto le 'pannocchiette' del carpino...


Un fiocco di rafia arruffata ha completato il tutto, oltre a servire per appendere la ghirlanda alla porta...


Et voilà...


ecco pronta la mia ghirlanda di fine agosto!


Questa ghirlanda ha sostituito la ghirlanda con la lavanda, ancora perfetta ma che mi era un po' venuta a noia e che ora ho appeso dentro casa.
Sul secondo portone d'ingresso invece ho sempre la ghirlanda di carpino  che, essendo la mia preferita, rimarrà lì appesa ancora per molto tempo.

A domani!

Commenti

  1. Bentornata,sempre bellissimi i tuoi lavori.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina, sempre gentilissima!
      Sono felice di ritrovarti <3

      Elimina
  2. Ciao Luisella.Mi sono mancati gli appuntamenti quotidiani: felice di leggerti.
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dir la verità sono mancati anche a me, avevo programmato di tenere chiuso il blog per un mese intero ma alla fine non ce l'ho fatta :-D
      Grazie Laura, buona giornata anche a te! <3

      Elimina
  3. Bentornata, adoro queste composizioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io adoro ritrovarvi tutte qua!!!!
      Grazie Novella <3

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…