Passa ai contenuti principali

Centrotavola del giardiniere

Se mi segui da qualche tempo, avrai già avuto modo di vedere i semplici allestimenti che compongo sul tavolo del mio salotto all'aperto.
Si tratta di un piccolo spazio raccolto, all'ombra del pergolato di kiwi, ma è visibile già dall'ingresso di casa e dalla cucina.
Ecco perchè mi piace tenere sul tavolo qualche pianta e qualche decoro, per rendere sempre accogliente questo angolo di giardino, perfino in inverno.

Oggi ti mostro la piccola composizione che ho creato all'inizio dell'estate.
L'idea mi è venuta quando al garden center ho trovato per pochi centesimi questi due finti innaffiatoi in miniatura...


Ho pensato perciò di fare il centrotavola del giardiniere!
Mi ricordavo di avere in garage da tempo immemore dei mini-attrezzi mai utilizzati, provenienti chissà da dove e così li ho recuperati per la composizione, infilandoli in una piccola ciotola piena di sabbia...


Ho aggiunto qualche vasetto di sedum e di sempervivum...


e l'immancabile cantapioggia di terracotta, elemento decorativo fisso delle mie composizioni da esterno...


Et voilà...



ecco una composizione semplice ma adatta all'estate e, grazie alla lunga autonomia dei sedum, in grado di resistere anche quando il giardiniere va in vacanza!
Naturalmente non potevano mancare alcune delle mie 'coltivazioni' di muschio...


Guardando i piccoli innaffiatoi, ho poi pensato che potessero anche ospitare qualche candela.
In casa ne avevo un paio delle giuste dimensioni, una verde al profumo di mela e una arancione all'aroma di cannella...


Un piccolo tocco che ha reso più suggestiva la mia composizione durante le serate estive...




Queste comunque non sono mai composizioni statiche, al mattino do sempre una pulita al tavolo e quindi sposto i vasi e magari poi li dispongo in maniera differente oppure tolgo qualcosa o aggiungo altro.



In ogni caso il requisito fondamentale di questi allestimenti da esterno sta nella facilità di manutenzione: basta scegliere piante di poche pretese, disporle secondo il proprio gusto e il risultato è garantito in qualsiasi stagione!

Commenti

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…