Passa ai contenuti principali

Dolcetti superveloci

Fa caldo e la voglia di mettersi ai fornelli, peraltro già ai minimi termini in condizioni normali di temperatura, adesso è pari a zero.
La voglia di qualcosa di dolce però non manca mai!
E così cerco sempre di inventarmi qualcosa di super-veloce da realizzare, con il minimo impegno di tempo e di fatica...


Per prima cosa vedo cosa mi offre la dispensa: un plumcake, piccoli frutti assortiti e panna spray fanno proprio al caso mio...


Taglio il plumcake a fette spesse...


e suddivido ogni fetta in quattro quadrotti: voglio ottenere dei mini dolcetti da mangiare in un sol boccone...


Li dispongo ordinatamente (si fa per dire, eh...) su un vassoio...


e quindi aggiungo su ogni quadrotto un ciuffo di panna montata...


Il tocco finale è dato dall'aggiunta di un piccolo frutto su ciascun quadrotto...


Et voilà...


più lungo a raccontarlo che a farlo!

Naturalmente io sono piuttosto sbrigativa e questi dolcetti si possono fare con più precisione e cura per il dettaglio.
A dir la verità avevo raccolto dal mio giardino un rametto di menta, pensando di aggiungere una fogliolina a ciascun quadrotto, infilandola nella panna, accanto al piccolo frutto.
Alla fine ho preferito usare il rametto per decorare velocemente il vassoio...


Li ho fatti lo scorso sabato e sono stati molto apprezzati, quindi li rifarò di certo.
Naturalmente si può utilizzare qualsiasi frutta di stagione, basta tagliarla a pezzetti.
Secondo me la base di plumcake ha la consistenza perfetta per questo dolcetto.
Un biscotto invece, a contatto con la panna, si sarebbe ammollato.
Ora devo solo dare un nome a questo piccolo dolce, hai qualche idea?

Commenti

  1. Veloci veloci come piace a noi! Anch'io uso il plumcake come base per i dolcetti e quando sono in vena faccio anche la crema gialla...
    Nome: forever and more.
    Auguri e felice compleanno.

    RispondiElimina
  2. Ah, auguri !!!!!!!! (grazie Laura per la dritta ;)

    RispondiElimina
  3. Non sapevo... auguri! :-) Potrebbe essere: "Perchè no?". Troppo "casareccio"? Allora... "Very greedy!" o... Quale nome gli darai? Leny.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Leny! <3
      Per il nome del dolcetto sto raccogliendo i vari suggerimenti e alla fine lo aggiungerò in fondo al post.
      Ciao! :)

      Elimina
  4. Auguri infiniti...il dolcetto lo farò di sicuro,gli ospiti improvvisi in estate non mancano mai e questo dolce è nelle mie corde.valentina ..io lo chiamerei come ha detto Laura aggiungendo qualcosa speedy fruit cake

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina! <3
      Aggiungo il tuo suggerimento, poi vi farò sapere ;-)
      Ciao! :)

      Elimina

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!

I post più letti della settimana

Fagiolini viola

Non sono una novità, i fagiolini viola sono in commercio già da parecchi anni ma io li ho comprati per la prima volta solo in questi giorni.


Il bel colore viola scuro riguarda però solo l'esterno dei fagiolini che, spezzandoli, rivelano l'interno verde...


Li ho fatti lessare come mia abitudine ma, non appena l'acqua ha cominciato a riscaldarsi, i fagiolini viola hanno rapidamente cambiato colore...




e sono diventati completamente verdi...


Sinceramente, una volta cotti, mi sono sembrati uguali nel gusto ai fagiolini normali e, avendo perso il bel colore viola, hanno perso a mio parere il loro aspetto più interessante.
Ma questa è ovviamente la mia personalissima opinione e io non sono notoriamente una buongustaia che sa apprezzare le sfumature di gusto.
Di positivo ho notato invece la totale assenza del 'filo'.
Ho letto che si possono mangiare crudi, magari aggiungendoli a pezzetti nelle insalate, sfruttandone così la loro particolarità cromatica.
E perciò ci ho provato anch…

La pianta dai semi a cuore

Il nome botanico di questa pianta suona un po' bizzarro e difficile da ricordare: Cardiospermum halicacabum.
Se invece ti dico che nei Paesi dove è largamente coltivata viene chiamata comunemente Love-in-a-Puff Vine o anche Heartseed, non ti sembra già meglio?
Io l'ho scoperta per la prima volta anni fa, nell'Orto Botanico di Valmadrera, dove i suoi frutti simili a gonfi palloncini verdi avevano subito catturato la mia attenzione.
Il curatore dell'Orto Botanico, accortosi del mio interesse, mi aveva generosamente regalato una manciata di semi che avevo custodito fino alla primavera successiva.
Purtroppo io sono una seminatrice pigra, infilo i semi a caso qua e là senza mettere cartellini nei vasi e poi...lascio fare alla natura!
Capita così che in seguito alle mie sconsiderate abitudini e alla mia pessima memoria, nei pochi ma deleteri raptus di pulizia del giardino io estirpi germogli e svuoti vasi, salvo poi rendermi conto del disastro compiuto solo dopo qualche mese.
E pr…